Conferenza Regionale Amianto della Toscana non governativa

Pubblichiamo il testo del nostro intervento:

 

Conferenza Regionale Amianto della Toscana non governativa

AMIANTO UN KILLER DA SCONFIGGERE
19 giugno 2010 – Teatro dei Coraggiosi, Pomarance (Pi)


Vittime del profitto e medicina preventiva


Ogni anno nel mondo si verificano 360 mila infortuni mortali e circa due milioni di persone muoiono a causa di malattie dovute o correlate al lavoro.

Questo significa che circa 6 mila persone al giorno muoiono sul lavoro o a causa del lavoro.
Nel mondo 1.300.000 persone sono vittime dell’amianto (fra morti e invalidi gravi),  4.000 di questi in Italia.
Si calcola che ogni 5 minuti una persona nel mondo muore a causa dell’amianto. Sebbene questo minerale killer sia stato messo al bando in Italia nel 1992, questo non significa che sia stato eliminato. E’ tuttora presente perché i siti non sono stati bonificati e la catastrofe umana, sanitaria e ambientale continua a uccidere. Una direttiva della Comunità Europea del 1983 imponeva agli stati nazionali di mettere fuori legge l’amianto. Lo stato italiano ha recepito questa direttiva solo nel 1992, rendendosi così complice delle lobbies dell’amianto.
Finora questa bomba ecologica ha prodotto e continua a produrre lutti e l’amianto messo al bando dal 1° gennaio 2009 in Europa continua ad essere impiegato e prodotto nel mondo, facendo fare lauti affari ai produttori di morte, in particolare ai quattro paesi che detengono il 90% della produzione mondiale, Russia, Cina, Canada e Brasile.
In Italia, la crisi economica che - con i licenziamenti e la cassa integrazione, ha portato alla perdita di due milioni di posti di lavoro - ha contribuito a far diminuire il numero degli infortuni mortali, passati dai 1546 del 2001 ai 1120 del 2008 e ai poco meno di 1.000 del 2009.
Intanto le stime più prudenti ci confermano che la tendenza negli ultimi dieci anni di morti per tumore, nel nostro paese, è in costante crescita, e che nel 2008 in Italia per tumori di origine professionali sono morte 6400 persone, mentre sono stati diagnosticati 9600 nuovi casi.
Le sostanze cancerogene usate nei processi lavorativi e di produzione uccidono prima gli operai esposti che li usano e i loro famigliari, poi disperdendosi nelle falde acquifere, nell’aria, nell’ambiente inquinano e uccidono anche i cittadini.
Solo di amianto, in Italia, sono presenti su tutto il territorio 32 milioni di tonnellate, di cui 8 milioni allo stato puro.
Non basta fare leggi che mettono al bando le sostanze inquinati, come si è fatto con l’amianto se poi non si bonifica, i cancerogeni continuano ad uccidere. Le malattie e le morti causate dai cancerogeni sono in continuo aumento; solo per l’amianto, dato il lungo periodo di latenza, il picco delle morti è previsto per il 2015-2020.
Oggi si parla sempre più spesso di aumento della vita media della popolazione; si alza l’età pensionabile, facendo finta di dimenticarsi che la classe lavoratrice - quella più esposta agli omicidi nei cantieri e nelle fabbriche e alle sostanze cancerogene nei luoghi di lavoro, insieme agli strati più poveri che generalmente sono cresciuti e vissuti ai lati delle fabbriche - ha una aspettava di vita molto minore di quanto dicono le statistiche.

Milioni di persone hanno pagato e continuano a pagare nel mondo con la vita e malattie invalidanti la sete di profitto di aziende nazionali e multinazionali, che privatizzano il profitto e scaricano i costi sanitari e ambientali delle malattie e dell’inquinamento sulla società sostenuti, in questo, da governi amici e complici di questa mattanza.
Il mondo è nostro, è di tutti gli esseri viventi: non possiamo accettare che in nome della ricerca del massimo profitto si continui a calpestare la salute di chi produce ricchezza in nome di un misero salario, e distruggere la vita umana e la natura. Bisogna organizzarsi per impedire questo scempio.
La nostra esperienza di anni di lotte in difesa della salute in fabbrica e nel territorio ci porta a dire che la vera medicina è quella che ricerca le cause patogene e le elimina, non quella che si limita a curarne agli effetti fingendo un riconoscimento precoce che è solo una finzione.
Le malattie professionali, ma questo vale in generale per tutte le malattie, sono ricercabili nella storia lavorativa e di vita di ogni essere umano.
La medicina del capitale e l’industria che con essa si è sviluppata nel sistema capitalista, oltre che arricchire le multinazionali e chi ha investito capitali in questo ramo, ha un altro scopo: serve a tranquillizzare chi è stato esposto a sostanze cancerogene, dicendogli che nel momento  della visita, del check-up, o dello screening, la malattia è assente. In questo modo la medicina del padrone impedisce di arrivare alla verità, si ferma all’apparenza senza intaccare le cause che producono i tumori e le malattie, nascondendo che esse sono sempre più dovute alla ricerca del massimo profitto a discapito della sicurezza, allo sfruttamento più intensivo e alle nuove sostanze a basso costo inserite nei processi di lavorazione e produzione senza curarsi se, a lungo andare, potranno avere effetti nocivi sulla salute dei lavoratori e della popolazione. Il giuramento di Ippocrate che i medici fanno, che dovrebbe mettere il paziente al primo posto o quantomeno fargli avere la stesse considerazione che vorrebbero per loro stessi, viene sempre più spesso sacrificato (o meglio dire comprato) in nome del dio denaro.
La ricerca del massimo profitto inventa e produce costantemente nuove malattie da cui la “scienza” medica del capitale e le multinazionali farmaceutiche traggono vantaggio.

La battaglia per rendere salubri i luoghi di lavoro e il territorio liberandolo dalle sostanze cancerogene è una battaglia di civiltà che interessa tutti, tranne coloro che si arricchiscono sulla pelle dei lavoratori e dei cittadini. I Comitati e le Associazioni che da anni si battono per l’eliminazione dei cancerogeni e il rischio zero, ritengono inaccettabile che in questa società si continui a morire di lavoro e per il lavoro e che l’unico diritto riconosciuto alle vittime sia quello di ricorrere ai tribunali per cercare di avere una giustizia che non arriva mai e che , nei pochi casi in cui arriva, è tardiva, non ha nessuna conseguenza reale per i datori di lavoro assassini e non va oltre il risarcimento economico.

Basta morti sul lavoro e di lavoro. Non bisogna delegare a nessuno la difesa dei nostri diritti. Solo i lavoratori autorganizzati possono difendere se stessi nei luoghi di lavoro e nella società.

 

Comitato per la Difesa della Salute nei Luoghi di Lavoro e nel Territorio
Il Presidente
Michele Michelino

Il testo in formato Pdf
19-06-2010_Vittime del profitto e medici
Documento Adobe Acrobat 61.7 KB

Scrivi commento

Commenti: 0

ULTIMI VIDEO E FOTO

Pubblichiamo nella sezione archivio le motivazioni della sentenza di condanna dei dirigenti Pirelli nel processo di 1° grado decisa dal Tribunale di Milano - Giudice Martorelli per i lavoratori morti d'amianto. (gennaio 2016).

Video del corteo contro l'amianto e i morti sul lavoro- 18 aprile 2015 a Sesto san Giovanni.

Servizio TG RAI sulla protesta per l'assoluzione dei dirigenti Enel.

Assemblea del Comitato del 31 gennaio 2015.

Corteo contro i morti per amianto e lo sfruttamento del 26 aprile 2014

Marzo 2014. Video - intervista al Comitato di Altraeconomia sulla responsabilità dei dirigenti per le morti operaie per amianto e sul processo contro i dirigenti Pirelli in corso a Milano

FOTO DEL CORTEO A LUCCA IN SOLIDARIETA' ALLE VITTIME DELLA STRAGE DI VIAREGGIO.

video e foto della manifestazione a Roma l'8 ottobre 2013 alla Camera dei Deputati delle associazioni e comitati contro l'amianto

Video della presentazione de "La fabbrica del panico" con gli operai della Breda Fucine, l'autore del romanzo Stefano Valenti, Guido Viale e Michele Michelino  

nella sezione video riportiamo immagini della protesta contro l'Inail del 15 maggio 2013 e l'incontro fra la nostra delegazione e quella dell'Inail

Intervista del nostro Comitato a Sky tg24 del 21 novembre 2012

Pubblichiamo nella sezione "Leggi" (in alto sulla pagina)

 

 

il Decreto interministeriale sul Fondo per le Vittime dell'amianto del 13 gennaio 2011

 

News

Foto del corteo del 27 aprile 2013 a Sesto San Giovanni contro l'amianto e lo sfruttamento.

Nuove foto e video del presido operaio contro l'Inail del 16/01/2013

Nella sezione video immagini della conferenza stampa sull'amianto nel palazzo Comunale di via Larga a Milano e servizio di RAI 3 del 2 aprile 2012

nella sezione stampa, nuovi articoli sul processo Pirelli a Milano

Nella sezione foto, nuove fotografie del presidio al Tribunale di Trento del 12 dicembre 2011 e nella sezione video le immagini.

Nella sezione foto immagini dell'assemblea dell'8 ottobre 2011.

 

 Nella sezione foto, nuove immagini delle iniziative fatte nel mese di agosto 2011.

Nella sezione foto, immagini della conferenza stampa del 15 giugno 2011 a Bassano del Grappa (Vi)

NELLA SEZIONE FOTO IMMAGINI DELLA FIACCOLATA A L'AQUILA DEL 6 APRILE 2011

Nella finestra stampa ci sono nuovi articoli apparsi sui giornali.

 

Nella sezione foto ci sono le ultime e tante altre.

Nella finestra Archivio, ci sono le ultime sentenze di importanza Nazionale

Nella sezione video potete trovare i filmati della II Conferenza Nazionale sull'Amianto del 6-7-8 novembre 2009 a Torino.

Nella sezione libri trovate i nostri testi