Dopo l’attacco portato da alcuni delegati Breda al nostro Comitato sul giornale locale, pubblichiamo la lettera di protesta e chiarimenti inviata da 41 operai

Spettabile Redazione “Nuova Sesto”

 

Sul n. 13 del 9 luglio 2010 il vostro giornale pubblica una “rettifica” a firma del Direttore Responsabile Yuri Maderloni e di Matteo Del Fabbro (autore del pezzo pubblicato su Nuova sesto n. 3 del 19 febbraio 2010 col titolo “Amianto, gli ex Breda al maxiprocesso Eternit”), in cui si segnalano alcune imprecisioni e si riportano precisazioni  da parte di alcuni membri, non identificabili, del Consiglio di Fabbrica Breda relativi a quegli  anni.

Nella precisazione,  gli innominati sindacalisti dell’epoca, comportandosi come una nobildonna offesa e riservata,  fanno fare ai giornalisti una rettifica affermando che:

  1. Respingono l’accusa mossa dal Comitato per la Difesa della Salute nei Luoghi di Lavoro e nel Territorio di aver barattato le ore di permesso sindacale in cambio di una “non eccessiva conflittualità in fabbrica”.
  2. Per quanto riguarda lo “scontro, tra il gennaio ed il giugno del 1981, con alcuni esponenti dell’attuale Comitato” - allora operai del Reparto Forgia della Breda Fucine - i sindacalisti ricordano che loro “non sostennero la richiesta salariale dell’indennità di rumore e calore”, ma “interventi  tecnologici”.
  3. Sull’amianto, anche se “riconoscono che si iniziava a conoscere la dannosità”, affermano che “tuttavia era estremamente difficile e laborioso – nonostante gli sforzi - farla capire agli operai (che lo consideravano anzi ‘amico’, in quanto utile protezione dalle altissime temperature)

Come operai dei reparti Forgia, Fonderia, Trattamento Termico, Aste, Montaggio, Macchinario della ex Breda Fucine e associati del Comitato, vogliamo replicare alle affermazioni riportate dal Vostro giornale.

 

a) Vero che i lavoratori della Breda Fucine furono tra i primi a porre il problema della salute in fabbrica come testimonia anche il “Libro Bianco” pubblicato nel luglio 1971 su “Il Lavoratore Metallurgico”; tuttavia negli anni successivi , con il governo di “Solidarietà democratica” e  l’entrata del Partito Comunista italiano (PCI) nella maggioranza di governo (appoggio esterno), anche i sindacati passarono in fabbrica dalla conflittualità alla concertazione a scapito dei diritti e degli interessi operai.  Sulla base della nostra diretta conoscenza ribadiamo la veridicità di quanto affermato dal nostro Presidente Michele Michelino, all’epoca dei fatti citati operaio del reparto Forgia della Breda Fucine, nostro delegato e uno dei pochi membri  del Consiglio di Fabbrica che lavorava in produzione (ai magli).
 
b) Sull’amianto: nonostante  il Servizio di Medicina Preventiva per gli Ambienti del Lavoro (SMAL) dopo le ispezioni e i sopralluoghi nei reparti dal 1974, 1975, 1976 fino agli anni 90’ - consegnate alla direzione aziendale, all’infermeria di fabbrica, all’esecutivo del CDF, a tutti i sindacati (C.G.I.L. - C.I.S.L. - U.I.L. - F.L.M.), all’Ufficiale Sanitario, all’Assessore alla Sanità, all’ispettorato del Lavoro, i documenti in cui si denunciava l’uso di sostanze cancerogene fra cui l’amianto - la massa dei lavoratori non veniva informata.

Questi documenti finivano negli  archivi e gli operai rimanevano all’oscuro dei rischi che correvano sulla salute. Non ci risulta e non possiamo sapere se i sindacalisti  che hanno chiesto la rettifica “abbiano fatto sforzi” per tutelare la nostra salute,  dal momento che non hanno neanche il coraggio di metterci la faccia, con nome e cognome.  Sappiamo solo che manipolavamo sostanze cancerogene senza esserne a conoscenza e solo a distanza di anni abbiamo scoperto che lo sapevano tutti, meno noi operai.
Per questo stiamo pagando un duro prezzo in termini di morti  (ormai sono un centinaio) e malati, e se i dirigenti che tutto sapevano hanno privilegiato il profitto a scapito della vita umana, non facendo nulla per impedire queste morti annunciate, sono colpevoli, anche i sindacalisti e tutte le istituzioni che sapevano e hanno taciuto sono complici e altrettanto responsabili di questa mattanza di lavoratori.

 

c) Per quanto riguarda “lo scontro, tra il gennaio e il giugno del 1981” fra gli operai autoorganizzati del reparto Forgia della Breda che successivamente hanno dato vita al comitato e alcuni esponenti del Consiglio di Fabbrica (considerati dagli operai venduti al padrone), consigliamo ai lettori del Vostro giornale, che hanno interesse, tempo e voglia di approfondire l’argomento di leggere i seguenti libri  (reperibili gratuitamente su Internet e disponibili in versione cartacea nella biblioteca comunale della città) che riportano i documenti dell’epoca che sono:  “1970-1983 la lotta di classe nelle grandi fabbriche di Sesto San Giovanni” di Michele Michelino”, “La Lotta Paga” di Luigi Consonni e Leonardo Pesatori e infine “Operai, carne da macello” di M.Michelino e Daniela Trollio che racconta la lotta contro l’amianto a Sesto San Giovanni.

 

Distinti saluti.

 

Gli ex operai Breda Fucine,
associati del “Comitato per la Difesa della Salute nei Luoghi di Lavoro e nel Territorio”,


settembre 2010

 

seguono firme di 41 lavoratori

Scrivi commento

Commenti: 0

ULTIMI VIDEO E FOTO

Pubblichiamo nella sezione archivio le motivazioni della sentenza di condanna dei dirigenti Pirelli nel processo di 1° grado decisa dal Tribunale di Milano - Giudice Martorelli per i lavoratori morti d'amianto. (gennaio 2016).

Video del corteo contro l'amianto e i morti sul lavoro- 18 aprile 2015 a Sesto san Giovanni.

Servizio TG RAI sulla protesta per l'assoluzione dei dirigenti Enel.

Assemblea del Comitato del 31 gennaio 2015.

Corteo contro i morti per amianto e lo sfruttamento del 26 aprile 2014

Marzo 2014. Video - intervista al Comitato di Altraeconomia sulla responsabilità dei dirigenti per le morti operaie per amianto e sul processo contro i dirigenti Pirelli in corso a Milano

FOTO DEL CORTEO A LUCCA IN SOLIDARIETA' ALLE VITTIME DELLA STRAGE DI VIAREGGIO.

video e foto della manifestazione a Roma l'8 ottobre 2013 alla Camera dei Deputati delle associazioni e comitati contro l'amianto

Video della presentazione de "La fabbrica del panico" con gli operai della Breda Fucine, l'autore del romanzo Stefano Valenti, Guido Viale e Michele Michelino  

nella sezione video riportiamo immagini della protesta contro l'Inail del 15 maggio 2013 e l'incontro fra la nostra delegazione e quella dell'Inail

Intervista del nostro Comitato a Sky tg24 del 21 novembre 2012

Pubblichiamo nella sezione "Leggi" (in alto sulla pagina)

 

 

il Decreto interministeriale sul Fondo per le Vittime dell'amianto del 13 gennaio 2011

 

News

Foto del corteo del 27 aprile 2013 a Sesto San Giovanni contro l'amianto e lo sfruttamento.

Nuove foto e video del presido operaio contro l'Inail del 16/01/2013

Nella sezione video immagini della conferenza stampa sull'amianto nel palazzo Comunale di via Larga a Milano e servizio di RAI 3 del 2 aprile 2012

nella sezione stampa, nuovi articoli sul processo Pirelli a Milano

Nella sezione foto, nuove fotografie del presidio al Tribunale di Trento del 12 dicembre 2011 e nella sezione video le immagini.

Nella sezione foto immagini dell'assemblea dell'8 ottobre 2011.

 

 Nella sezione foto, nuove immagini delle iniziative fatte nel mese di agosto 2011.

Nella sezione foto, immagini della conferenza stampa del 15 giugno 2011 a Bassano del Grappa (Vi)

NELLA SEZIONE FOTO IMMAGINI DELLA FIACCOLATA A L'AQUILA DEL 6 APRILE 2011

Nella finestra stampa ci sono nuovi articoli apparsi sui giornali.

 

Nella sezione foto ci sono le ultime e tante altre.

Nella finestra Archivio, ci sono le ultime sentenze di importanza Nazionale

Nella sezione video potete trovare i filmati della II Conferenza Nazionale sull'Amianto del 6-7-8 novembre 2009 a Torino.

Nella sezione libri trovate i nostri testi