la sicurezza prima di tutto

LA SICUREZZA  SUL LAVORO  NON  PUO'  ESSERE  A DISCREZIONE.

GLI  OPERAI  NON  SONO  CARNE  DA  MACELLO
 Ogni giorno si muore sul lavoro e di lavoro, e continua inarrestabile la mattanza operaia. Ieri 4 novembre e stata una giornata di fuoco. Due lavoratori sono morti sul lavoro, un operaio schiacciato da una gru e un contadino sotto il trattore. Sempre ieri 7 operai (5 italiani e due immigrati), dipendenti di una cooperativa che stavano lavorando  in un'azienda alle porte di Milano, la Eureco di Paderno Dugnano, specializzata nel trattamento e stoccaggio di rifiuti sono stati investiti dalle fiamme e  cinque di loro versano in condizioni particolarmente gravi. 

Secondo la direttiva Seveso esistono in Lombardia 1.111 impianti a rischio rilevante con sostanze pericolose e molti di questi sono in prossimità di abitazioni e strade particolarmente trafficate. Negli ultimi due anni per effetto della crisi sono stati espulsi dalla produzione circa 2 milioni di lavoratori e nonostante il calo dei lavoratori occupati il numero dei morti sul lavoro (senza contare quelli dovuti a malattie professionali) resta sempre da bollettino di guerra; 1120 nel 2008, 1050 nel 2009. Molte imprese, incoraggiate anche dalle dichiarazioni di alcuni ministri, continuano a considerare la sicurezza, un costo improduttivo da ridurre al minimo, non compatibile con la ricerca del massimo profitto da realizzare adesso e subito. Sotto il ricatto del posto di lavoro e pressati dalla necessità di portare a casa un misero salario che permetta alla famiglia di sopravvivere, molti lavoratori italiani, stranieri o in nero, lasciati soli, subiscono i ricatti dei datori di lavoro e sono costretti a lavorare a condizioni fino a poco fa considerati inaccertabili. Non sempre vengono valutati dalle imprese i pericoli reali a cui sono soggetti i lavoratori. Alcuni datori di lavoro, incoraggiati dalle dichiarazioni di alcuni ministri che considerano la sicurezza del lavoro un “lusso” e un fardello per le imprese non effettuano neanche la valutazione dei rischi derivanti dalle sostanze cancerogene, amianto, cromo, metalli pesanti, ecc. Ormai i corsi sulla sicurezza anche quando si fanno non sono di nessuna utilità pratica. La  scissione fra teoria e pratica è evidente dai risultati. Spesso quello della sicurezza diventa un business che serve ad arricchire le nuove imprese degli “amici degli amici”. La società e le istituzioni finora hanno fatto poco o  nulla contro chi non rispetta le leggi e le norme antinfortunistiche, limitandosi nella migliore delle ipotesi a una pena pecuniaria, monetizzando la salute e la vita umana. Bisognerebbe fare leggi che impediscano di lavorare a condizioni di pericolo, Non esistono soglie di tolleranza o limiti di legge che mettono in sicurezza i lavoratori e i cittadini, da qui la necessità di condurre una lotta per imporre il rischio zero. Le lotte dei lavoratori, delle Associazioni, dei Comitati e di alcuni sindacati che da decenni si battono nei luoghi di lavoro, nel territorio, nelle piazze e nelle aule dei tribunali per far valere il diritto alla salute e alla giustizia contro chi ha violato leggi e la Costituzione hanno contribuito a creare maggior consapevolezza nella società. La Corte di Cassazione intervento in merito a un caso successo negli anni '70, ha condannato 14 dirigenti, il Consiglio di Amministrazione e il direttore della Montefibre di Verbania, in Piemonte, riconoscendo alcuni importanti principi per cui noi ci battiamo da anni:1) nei casi di violazioni della sicurezza sul lavoro non è più il solo Amministratore Delegato che deve risponderne, ma l'intero Consiglio di Amministrazione.2) il principio vale anche se le deleghe sulla salute e l'igiene erano delegate o  affidate ad un singolo componente. 3) tutte le associazioni di fatto che rappresentano i lavoratori potranno chiedere i danni morali per i loro iscritti, anche quelle nate dopo l'incidente. Inoltre se in posto sono morte più persone nel corso degli anni, il datore di lavoro deve risarcire economicamente il sindacato e gli enti che si occupano della tutela della salute e dei diritti dei dipendenti. 

 

Comitato per la Difesa della Salute nei Luoghi di Lavoro e nel Territorio                                                      
Sesto San Giovanni 5 novembre 2010                                                              

 

Scrivi commento

Commenti: 0

ULTIMI VIDEO E FOTO

Pubblichiamo nella sezione archivio le motivazioni della sentenza di condanna dei dirigenti Pirelli nel processo di 1° grado decisa dal Tribunale di Milano - Giudice Martorelli per i lavoratori morti d'amianto. (gennaio 2016).

Video del corteo contro l'amianto e i morti sul lavoro- 18 aprile 2015 a Sesto san Giovanni.

Servizio TG RAI sulla protesta per l'assoluzione dei dirigenti Enel.

Assemblea del Comitato del 31 gennaio 2015.

Corteo contro i morti per amianto e lo sfruttamento del 26 aprile 2014

Marzo 2014. Video - intervista al Comitato di Altraeconomia sulla responsabilità dei dirigenti per le morti operaie per amianto e sul processo contro i dirigenti Pirelli in corso a Milano

FOTO DEL CORTEO A LUCCA IN SOLIDARIETA' ALLE VITTIME DELLA STRAGE DI VIAREGGIO.

video e foto della manifestazione a Roma l'8 ottobre 2013 alla Camera dei Deputati delle associazioni e comitati contro l'amianto

Video della presentazione de "La fabbrica del panico" con gli operai della Breda Fucine, l'autore del romanzo Stefano Valenti, Guido Viale e Michele Michelino  

nella sezione video riportiamo immagini della protesta contro l'Inail del 15 maggio 2013 e l'incontro fra la nostra delegazione e quella dell'Inail

Intervista del nostro Comitato a Sky tg24 del 21 novembre 2012

Pubblichiamo nella sezione "Leggi" (in alto sulla pagina)

 

 

il Decreto interministeriale sul Fondo per le Vittime dell'amianto del 13 gennaio 2011

 

News

Foto del corteo del 27 aprile 2013 a Sesto San Giovanni contro l'amianto e lo sfruttamento.

Nuove foto e video del presido operaio contro l'Inail del 16/01/2013

Nella sezione video immagini della conferenza stampa sull'amianto nel palazzo Comunale di via Larga a Milano e servizio di RAI 3 del 2 aprile 2012

nella sezione stampa, nuovi articoli sul processo Pirelli a Milano

Nella sezione foto, nuove fotografie del presidio al Tribunale di Trento del 12 dicembre 2011 e nella sezione video le immagini.

Nella sezione foto immagini dell'assemblea dell'8 ottobre 2011.

 

 Nella sezione foto, nuove immagini delle iniziative fatte nel mese di agosto 2011.

Nella sezione foto, immagini della conferenza stampa del 15 giugno 2011 a Bassano del Grappa (Vi)

NELLA SEZIONE FOTO IMMAGINI DELLA FIACCOLATA A L'AQUILA DEL 6 APRILE 2011

Nella finestra stampa ci sono nuovi articoli apparsi sui giornali.

 

Nella sezione foto ci sono le ultime e tante altre.

Nella finestra Archivio, ci sono le ultime sentenze di importanza Nazionale

Nella sezione video potete trovare i filmati della II Conferenza Nazionale sull'Amianto del 6-7-8 novembre 2009 a Torino.

Nella sezione libri trovate i nostri testi