Oltre il danno, la beffa.

A 30 mesi dall’istituzione del fondo per le vittime dell’amianto ai lavoratori e cittadini colpiti dalle fibre killer, al danno continua ad aggiungersi la beffa. Nascondendosi dietro la copertura finanziaria il governo continua a negare i diritti alle vittime.

 

Contro la disparità di trattamento riservato alle vittime dell’amianto, le associazioni a difesa delle vittime dell'amianto (Associazione vittime amianto nazionale italiana, il Comitato per la Difesa della Salute nei luoghi di lavoro e nel territorio, l'Associazione Contramianto ed altri rischi Onlus, l'Osservatorio nazionale amianto e l'Associazione Esposti Amianto Friuli-Venezia Giulia), in data 19 marzo 2010, hanno inoltrato un ricorso alla Commissione europea contro la norma di cui all'art. 6, comma 9-bis, che proroga i termini per le domande riguardanti i “risarcimenti pensionistici” fino al 30 giugno 2010, proroga limitata solo a pochi lavoratori, mentre per gli altri i termini rimangono fermi al 15 giugno 2005.

Ora le Associazioni e i Comitati che da anni si battono contro l’amianto, il 16 novenbre 2010, hanno fatto presentare una interrogazione, tramite la Senatrice Patrizia Bugnano, ai Ministri del lavoro e delle politiche sociali e dell'economia e delle finanze. Nell’interrogazione si ricorda che, dopo quasi 40 anni di lotte in Italia, la mobilitazione di cittadini e lavoratori contro l'amianto continua. Le lotte e gli scioperi iniziati in Piemonte (dove si trovavano le cave di Balangero e l'Eternit di Casale Monferrato), in Friuli-Venezia Giulia (a Monfalcone e Trieste), in Veneto (a Porto Marghera) e in Lombardia (a Broni, a Seveso, alla Breda di Sesto), portarono alla sottoscrizione di accordi sindacali volti a prevedere l'istituzione di libretti sanitari individuali, del registro dei dati ambientali di reparto nelle fabbriche, nonché di controlli ad opera delle aziende sanitarie locali negli ambienti di lavoro. Questi accordi sindacali furono poi recepiti da leggi regionali e, successivamente, da leggi nazionali. I lavoratori e i cittadini che sono stati esposti alle fibre d’amianto hanno una aspettativa di vita minore (in media 7 anni) rispetto alla restante popolazione, per cui la legge serve solo a tutelare parzialmente le vittime.

 

Il Ministro del lavoro, con decreto 12 marzo 2008, e in seguito l'INAIL (Direzione centrale prestazioni), hanno limitato l'ambito di operatività della norma ad alcuni reparti di 15 dei 500 siti per i quali era intervenuto l'atto di indirizzo del Ministro del lavoro che riconosceva la loro qualificata esposizione a polveri e fibre di amianto, ai fini di conferire il beneficio contributivo ex articolo 13, comma 8, della legge n. 257 del 1992, utile ai fini della determinazione dell'importo delle prestazioni pensionistiche di cui si è detto in precedenza; in tal modo, a titolo esemplificativo, due persone, pur trovandosi nella medesima condizione, vengono trattate in modo irragionevolmente differenziato, configurando un'arbitraria disparità di trattamento, in contrasto con il principio di uguaglianza sancito dall'art. 3 della Costituzione e con gli artt. 14 della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali (CEDU) e 21 della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea che vietano le discriminazioni.

Con sentenza 1° dicembre 2009, in materia di cause di risarcimento danni in corso tra lo Stato e singoli emofilici, la Corte europea dei diritti dell'uomo ha condannato l'Italia, ma soprattutto ha anche respinto la tesi adottata dal Governo italiano secondo cui la disparità di trattamento sarebbe motivata dalla "necessità di preservare le finanze pubbliche, in quanto scarse", non costituendo tale aspetto ragione idonea per giustificare un trattamento differenziato, laddove sono in gioco i diritti fondamentali dell'uomo.

 

Inoltre, durante la XV Legislatura è stata approvata la costituzione di un Fondo per le vittime dell'amianto (legge finanziaria per il 2008), in favore di tutte le vittime che hanno contratto patologie asbesto-correlate per esposizione all'amianto e alla fibra "fiberfrax" e, in caso di morte anticipata, in favore degli eredi. L'articolo 1, comma 246, rimanda ad un decreto del Ministro del lavoro, di concerto con il Ministro dell'economia, l'emanazione di un regolamento per la definizione delle procedure e le modalità di erogazione del Fondo di cui sopra, da adottarsi entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore della legge medesima.

Tale termine è ormai scaduto da oltre 30 mesi, senza che il Governo abbia provveduto ad adempiere l'obbligo di legge, nonostante la valenza sociale che questo atto rappresenta per il Paese e, in ragione di ciò, le associazioni delle vittime dell'amianto hanno avviato l'azione legale, ponendo in mora il Governo e facendo ricorso alla Corte europea per i diritti dell'uomo, con procedura già pendente.

L’interrogazione presentata chiede di sapere:

. quali misure, anche di carattere normativo, i Ministri in indirizzo intendano adottare per giungere ad una positiva conclusione della vicenda, che consenta ai lavoratori esposti per anni all'amianto di poter finalmente conseguire i benefici contributivi;

. se si ritenga che diritti a copertura costituzionale (articoli 3, 32 e 38 della Costituzione) possano essere negati a causa dell'assenza di copertura finanziaria;

. entro quali termini intendano intervenire al fine di emanare al più presto il regolamento sul fondo per le vittime dell'amianto, così come disposto dall'articolo 1, commi da 241 a 246, della legge finanziaria per il 2008.

 

 

Comitato per la Difesa della salute nei luoghi di lavoro e nel territorio

 

 

 

Sesto S.Giovanni, 19/11/2010

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

ULTIMI VIDEO E FOTO

Pubblichiamo nella sezione archivio le motivazioni della sentenza di condanna dei dirigenti Pirelli nel processo di 1° grado decisa dal Tribunale di Milano - Giudice Martorelli per i lavoratori morti d'amianto. (gennaio 2016).

Video del corteo contro l'amianto e i morti sul lavoro- 18 aprile 2015 a Sesto san Giovanni.

Servizio TG RAI sulla protesta per l'assoluzione dei dirigenti Enel.

Assemblea del Comitato del 31 gennaio 2015.

Corteo contro i morti per amianto e lo sfruttamento del 26 aprile 2014

Marzo 2014. Video - intervista al Comitato di Altraeconomia sulla responsabilità dei dirigenti per le morti operaie per amianto e sul processo contro i dirigenti Pirelli in corso a Milano

FOTO DEL CORTEO A LUCCA IN SOLIDARIETA' ALLE VITTIME DELLA STRAGE DI VIAREGGIO.

video e foto della manifestazione a Roma l'8 ottobre 2013 alla Camera dei Deputati delle associazioni e comitati contro l'amianto

Video della presentazione de "La fabbrica del panico" con gli operai della Breda Fucine, l'autore del romanzo Stefano Valenti, Guido Viale e Michele Michelino  

nella sezione video riportiamo immagini della protesta contro l'Inail del 15 maggio 2013 e l'incontro fra la nostra delegazione e quella dell'Inail

Intervista del nostro Comitato a Sky tg24 del 21 novembre 2012

Pubblichiamo nella sezione "Leggi" (in alto sulla pagina)

 

 

il Decreto interministeriale sul Fondo per le Vittime dell'amianto del 13 gennaio 2011

 

News

Foto del corteo del 27 aprile 2013 a Sesto San Giovanni contro l'amianto e lo sfruttamento.

Nuove foto e video del presido operaio contro l'Inail del 16/01/2013

Nella sezione video immagini della conferenza stampa sull'amianto nel palazzo Comunale di via Larga a Milano e servizio di RAI 3 del 2 aprile 2012

nella sezione stampa, nuovi articoli sul processo Pirelli a Milano

Nella sezione foto, nuove fotografie del presidio al Tribunale di Trento del 12 dicembre 2011 e nella sezione video le immagini.

Nella sezione foto immagini dell'assemblea dell'8 ottobre 2011.

 

 Nella sezione foto, nuove immagini delle iniziative fatte nel mese di agosto 2011.

Nella sezione foto, immagini della conferenza stampa del 15 giugno 2011 a Bassano del Grappa (Vi)

NELLA SEZIONE FOTO IMMAGINI DELLA FIACCOLATA A L'AQUILA DEL 6 APRILE 2011

Nella finestra stampa ci sono nuovi articoli apparsi sui giornali.

 

Nella sezione foto ci sono le ultime e tante altre.

Nella finestra Archivio, ci sono le ultime sentenze di importanza Nazionale

Nella sezione video potete trovare i filmati della II Conferenza Nazionale sull'Amianto del 6-7-8 novembre 2009 a Torino.

Nella sezione libri trovate i nostri testi