I MORTI SUL LAVORO CAUSATI DALLA LOGICA DEL PROFITTO. I dati in edilizia

OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO VEGA ENGINEERING

MORTI BIANCHE IN EDILIZIA

SONO 135 LE VITTIME DEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI RILEVATE DA GENNAIO A FINE NOVEMBRE DALL’OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING. LA CAMPANIA LA REGIONE PIU’ COLPITA CON 18 DECESSI, SEGUITA DA Lazio e Lombardia (14), da Veneto ed Emilia Romagna (12). e dalla Sicilia (11).. SEI INCIDENTI MORTALI SU DIECI SONO PROVOCATI DA UNA CADUTA DALL’ALTO. E VEGA ENGINEERING LANCIA L’ALLARME: “IL PRESSAPOCHISMO SUL FRONTE DELLA SICUREZZA UCCIDE I LAVORATORI”.

Vengono esposti quotidianamente a rischi mortali senza imbragature nè protetti da parapetti. Molto spesso non indossano gli elmetti e le scarpe antinfortunistiche. Questa è molto spesso la prassi lavorativa per chi opera nell’edilizia. Ed ecco che sei decessi su dieci sono dovuti proprio ad una caduta dall’alto. Intanto, dall’inizio dell’anno a fine novembre, i morti nel settore sono stati 135 (il 28 per cento di tutte le morti bianche del Paese).

La regione in cui il dramma è maggiormente sentito è la Campania con 18 vittime delle costruzioni, seguita da Lazio e Lombardia (14), da Veneto ed Emilia Romagna (12) e dalla Sicilia (11).

Nella classifica provinciale invece è Napoli a tenere le fila del dolore con sette morti bianche. Seguono Latina (6), Roma (5), Milano, Belluno e Palermo (4).

A registrare una sola vittima nel settore sono solo Basilicata e Molise. Precedute dal Friuli Venezia Giulia e Umbria (2), Trentino Alto Adige e Sardegna (3), Abruzzo e Liguria (4), Marche e Toscana (5), Piemonte, Puglia e Calabria (8).

E’ la prima tragica immagine del lavoro nei cantieri edili proiettata dall’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega Engineering di Mestre. Un focus sull’emergenza morti bianche nel settore del mattone necessario per il Presidente dell’Osservatorio Ingegnere Mauro Rossato “poiché aiuta a comprendere quanto sia indispensabile lavorare sul fronte della formazione e, più in generale, della prevenzione. Perché, per ora, dati alla mano, pare si stia facendo ancora poco”.

Le fascia d’età più colpite sono quelle che vanno dai 40 ai 49 anni (32 casi) e dai 50 ai 59 anni (33 casi).

Una dettagliata analisi, quella elaborata da Vega Engineering, che dipinge nitidamente i contorni dell’emergenza. Soprattutto al Centro e al Sud della penisola, dove cioè si concentra il maggior numero di incidenti mortali. Il 31,9 per cento in effetti si è verificato nel Centro del Paese, il 25,9 per cento nel Sud, il 10,4 per cento nelle Isole. Mentre il 19,3 per cento nel Nordovest e il 12,6 per cento nel Nordest.

E non è solo la caduta dall’alto a mietere vittime. Tra le cause esaminate dagli esperti di Vega Engineering emergono: lo schiacciamento dovuto alla caduta dall’alto di oggetti pesanti (13 casi), il ribaltamento di mezzi e veicoli in movimento (10), il contatto elettrico diretto (6), il contatto con oggetti o mezzi in movimento (5).

Una strage pressochè quotidiana quella che emerge nell’edilizia. E a perdere la vita sono anche i lavoratori stranieri (oltre il 15 per cento del totale). Per la precisione i rumeni sono il 28 per cento delle vittime straniere, gli albanesi il 38 per cento.

“Il problema di questo Paese quando si parla di edilizia – spiega il Presidente di Vega Engineering – è la mancanza di formazione e di sensibilità sul tema della sicurezza. A partire proprio dai datori di lavoro”.

La loro prima responsabilità infatti è quella di organizzare preventivamente le attività lavorative scegliendo i sistemi di sicurezza da utilizzare, adeguandoli di volta in volta alle specificità del cantiere. Tutto questo è previsto dalla legge che obbliga ogni azienda a redigere il Pos ovvero il Piano operativo sulla sicurezza.

“In molti casi, però - precisa ancora Rossato - si tratta di documenti non conformi, di “faldoni” interminabili, prestampati con misure mai applicate”, magari elaborati da qualche “consulente” improvvisato.

Ed ancora una volta la responsabilità è del datore di lavoro e dei dirigenti che sottovalutano le conseguenze; tralasciando il corretto uso di dispositivi di protezione individuale. Imbragature ed elmetti, infatti, vengono acquistati e forniti, ma troppe volte vengono lasciate dentro un furgone.

Prassi e abitudini scorrette che ‘pare’ possano funzionare esorcizzando il pericolo. Fino a quando arriva la tragedia.

Informazioni per la stampa

Ufficio Stampa : Dott.ssa Annamaria Bacchin

Tel 0413969013 - bacchin@vegaengineering.com

www.vegaengineering.com

 

Scrivi commento

Commenti: 0

ULTIMI VIDEO E FOTO

Pubblichiamo nella sezione archivio le motivazioni della sentenza di condanna dei dirigenti Pirelli nel processo di 1° grado decisa dal Tribunale di Milano - Giudice Martorelli per i lavoratori morti d'amianto. (gennaio 2016).

Video del corteo contro l'amianto e i morti sul lavoro- 18 aprile 2015 a Sesto san Giovanni.

Servizio TG RAI sulla protesta per l'assoluzione dei dirigenti Enel.

Assemblea del Comitato del 31 gennaio 2015.

Corteo contro i morti per amianto e lo sfruttamento del 26 aprile 2014

Marzo 2014. Video - intervista al Comitato di Altraeconomia sulla responsabilità dei dirigenti per le morti operaie per amianto e sul processo contro i dirigenti Pirelli in corso a Milano

FOTO DEL CORTEO A LUCCA IN SOLIDARIETA' ALLE VITTIME DELLA STRAGE DI VIAREGGIO.

video e foto della manifestazione a Roma l'8 ottobre 2013 alla Camera dei Deputati delle associazioni e comitati contro l'amianto

Video della presentazione de "La fabbrica del panico" con gli operai della Breda Fucine, l'autore del romanzo Stefano Valenti, Guido Viale e Michele Michelino  

nella sezione video riportiamo immagini della protesta contro l'Inail del 15 maggio 2013 e l'incontro fra la nostra delegazione e quella dell'Inail

Intervista del nostro Comitato a Sky tg24 del 21 novembre 2012

Pubblichiamo nella sezione "Leggi" (in alto sulla pagina)

 

 

il Decreto interministeriale sul Fondo per le Vittime dell'amianto del 13 gennaio 2011

 

News

Foto del corteo del 27 aprile 2013 a Sesto San Giovanni contro l'amianto e lo sfruttamento.

Nuove foto e video del presido operaio contro l'Inail del 16/01/2013

Nella sezione video immagini della conferenza stampa sull'amianto nel palazzo Comunale di via Larga a Milano e servizio di RAI 3 del 2 aprile 2012

nella sezione stampa, nuovi articoli sul processo Pirelli a Milano

Nella sezione foto, nuove fotografie del presidio al Tribunale di Trento del 12 dicembre 2011 e nella sezione video le immagini.

Nella sezione foto immagini dell'assemblea dell'8 ottobre 2011.

 

 Nella sezione foto, nuove immagini delle iniziative fatte nel mese di agosto 2011.

Nella sezione foto, immagini della conferenza stampa del 15 giugno 2011 a Bassano del Grappa (Vi)

NELLA SEZIONE FOTO IMMAGINI DELLA FIACCOLATA A L'AQUILA DEL 6 APRILE 2011

Nella finestra stampa ci sono nuovi articoli apparsi sui giornali.

 

Nella sezione foto ci sono le ultime e tante altre.

Nella finestra Archivio, ci sono le ultime sentenze di importanza Nazionale

Nella sezione video potete trovare i filmati della II Conferenza Nazionale sull'Amianto del 6-7-8 novembre 2009 a Torino.

Nella sezione libri trovate i nostri testi