Trattamento oncologico, si aprono nuove speranze. Dalla rivista "nuova unità"


“Vidatox® omeopatico”
Cuba regala qualità di vita

Il veleno dello scorpione blu per il trattamento oncologico

di Gioia Minuti per “nuova unità”

Si chiama così: “Vidatox® omeopatico” il prodotto ricavato dal veleno di uno
scorpione blu che esiste solo a Cuba, dove più di cinquantamila pazienti
malati di cancro sono trattati, da molti anni, con la tossina del “Rhopalurus junceus”.
Questo uso si diffuse tra i contadini della zona di Guantánamo, per
combattere alcune malattie degli animali, soprattutto della pelle, perché si
erano accorti che se venivano punti dallo scorpione, straordinariamente
guarivano.
All’inizio c’era molto scetticismo: si parlava di stregoneria o di fantasie.
Questo trattamento non è miracoloso e nemmeno il toccasana di tutti i mali,
ma in moltissimi casi migliora la qualità della vita dei pazienti.
Questo scorpione blu, che appartiene all’endemia di Cuba, viene allevato in
casse di terra con molti insetti che sono il suo cibo. Il veleno si estrae
dopo il primo anno di vita, generalmente ogni 20 giorni per molte volte, e
poi gli scorpioni ritornano nel loro habitat naturale.

La dottoressa Niuris ci ha detto: “Il Vidatox ha la proprietà di distruggere
le cellule tumorali in moltissimi casi. Oggi in alcuni paesi del mondo si
fanno esperimenti anche con altri scorpioni, ma pare che solo il veleno del
Rhopalurus junceus presenta queste benefiche proprietà”.
Il medicinale è stato usato già nel 1999 e con buoni risultati anche su pazienti con HIV/AIDS nell’ospedale di Mbarara, in Uganda dove lavoravano
medici cubani. Gli effetti sono più positivi nei pazienti che non hanno mai
fatto terapie chemioterapiche e nelle gravi infiammazioni pelviche o
prostatiche e gli specialisti lo consigliano anche come prevenzione nei casi
di pericolo di formazione di tumori.
La direttrice di ricerca e sviluppo della compagnia Labiofam, Isabel González, ha spiegato in una conferenza stampa, che il Vidatox è un
preparato omeopatico creato sulla base di cinque peptidi o proteine di basso
peso molecolare, estratte dal veleno di questo scorpione, che hanno
dimostrato il loro effetto analgesico, antinfiammatorio e antitumorale in
più di 15 linee cellulari tumorali differenti. Una terapia alternativa per
il trattamento dei sintomi provocati dagli effetti del cancro, per alleviare
il dolore e la carenza immunologia. “Sino ad oggi, ha detto, il prodotto è
stato provato su circa 10.000 pazienti oncologici, circa 3.500 stranieri,
nei quali sono stati registrati risultati positivi, e di miglioramento della
qualità della vita, e di arresto della crescita tumorale”.
Oltre ai cubani - ci racconta Antonio García - che facevano ore di coda da
oltre dieci anni per prendere il medicinale per la nipotina malata, sono
migliaia le persone che vengono alla Labiofam spinte dalla speranza.
Riccardo è venuto da Roma per tre giorni, andata e ritorno, perché il padre
già operato di un tumore alla vescica dovrebbe fare la radioterapia, ma sta
male è troppo debole e alcuni pazienti della clinica dove l’hanno operato
gli hanno parlato del Vidatox. Non avendo la diagnosi tradotta dall’
italiano, ha lasciato gli originali per gli archivi...  Sari è venuto a l’
Avana a cercare il Vidatox per la sorella della fidanzata, una giovane
malata...
“Sino ad oggi hanno utilizzato il Vidatox pazienti del Messico, Colombia,
Spagna, Italia, Argentina, Repubblica Domenicana, Olanda e Stati Uniti ed il
97%, affetto da tumori maligni, ha avuto una risposta clinica positiva” - ha
dichiarato l’ingegner Pavel O. Pizart Mijares, direttore generale dell’
Impresa dei Prodotti Iniettabili Labiofam - durante un incontro con la
stampa.
I lavoratori della Labiofam non si aspettavano la folla di italiani che è
giunta a Cuba, tutti pieni di speranza e senza diagnosi dei malati o con
diagnosi non tradotte...
“Non è stato facile, hanno dichiarato tutti gli specialisti perché sappiamo
che dietro ad ogni persona che viene qui c’è un caso di malattia e di dolore
e quindi cerchiamo d’essere comprensivi al massimo” - ha detto Lirka, una
giovane dirigente - raccontando di una mattina in cui c’era una vera folla
di italiani davanti all’Istituto dall’alba e che il direttore,
immediatamente avvisato e attonito aveva detto di mandare tutti nel teatro e
di spiegare cos’è il prodotto, mentre si cercava di organizzare una fila per
la consegna del medicinale, che non è mai stato negato a nessuno.
L’ambasciata cubana in Italia ha diffuso poco tempo fa un messaggio per
avvisare che le riserve del Vidatox non sono infinite. Purtroppo ci sono
anche gli sciacalli, che hanno portato diagnosi di morti e che rivendono il
prodotto - che Cuba regala - che spacciano strane cose come Vidatox,
mettendo anche in pericolo la già precaria salute dei malati.
Non esiste punizione sufficiente per simili individui.
Anche se la ricerca continua, il “Vidatox® homeopático” (in spagnolo) è
stato registrato con la Risoluzione 3136/99 dell’Ufficio cubano per le
proprietà industriali come prodotto per combattere i tumori, carcinomi e
adenocarcinomi in particolare,  attivo e di facile applicazione, dopo il
Congresso della Labiofam a L’Avana e verrà venduto nelle versioni conseguite per via sintetica o biotecnologica. L'obiettivo è quello di produrre più di un milione di unità entro la fine dell'anno” - ha detto ancora il dottor
Pavel Pizart - segnalando che il Vidatox può essere esportato nei paesi che
ne fanno richiesta attraverso il contratto di vendita.
La Labiofam - il gruppo di imprese Labiofam ha mezzo secolo di storia e più
di 3.500 lavoratori in tutta Cuba - produce anche altri prodotti, come il
Vimang, estratto dalla corteccia degli alberi di mango, che ha grandi
proprietà antinfiammatorie, anti anemiche, e altro, che migliorano la
qualità della vita.
Nella sua prima conferenza internazionale tenuta a l’Avana a fine settembre,
la società ha riportato i risultati delle indagini sul Vidatox omeopatico
alla presenza di circa 500 delegati provenienti da tutto il mondo.
Nella mostra scientifico-commerciale del Congresso Internazionale del gruppo imprenditoriale Labiofam 2010 sono stati indicati vari prodotti per le
anemie ferropeniche, il supplemento dietetico Ferrical, un composto di
proteine e miele come veicolo capace di metabolizzare i minerali ingeriti.
Tra i ricostituenti si trovano l’Acitan, un antiossidante ricco di oligo-elementi come lo zinco e il magnesio e l’Asmacan, ad azione di bronco - dilatazione ed espettorante. Inoltre Labiofam crea prodotti probiotici, basati sull’incorporazione di micro-organismi vivi che agiscono sulla flora batterica intestinale.
Lo yogurt Paradiso, leader di questi prodotti sviluppati dall’istituzione
scientifica, è un antisettico del sistema digestivo e facilita anche l’
assorbimento del calcio e del fosforo presenti nel latte.
Nella recente mostra sono stati presentati, in 15 stand su 192 metri
quadrati, anche vari prodotti veterinari, antibiotici, anestetici,
disinfettanti, sedanti e ipnotici, biolarvicidi, plaghicidi e rodenticidi
biologici oltre a  prodotti per l’igiene (il Biorat, per esempio, è un
eccellente prodotto per l’eliminazione di ratti e topi e Cuba lo ha anche
regalato agli Stati Uniti, tramite i Pastori per la Pace, per combattere la
presenza famelica di ratti nel New Jersey dove erano morti alcuni bambini
per l’assalto dei roditori affamati).
Il Vidatox si presenta in gocce omeopatiche sublinguali ed ogni mL (20
gocce) contiene: Veleno di Rhopalurus junceus 30 CH. Il medicinale va
mantenuto lontano da apparecchi generatori di campi elettromagnetici e da
odori forti.
È compatibile con qualsiasi altro trattamento oncologico e le sole
controindicazioni riguardano l’ipersensibilità al medicinale e vanno prese
precauzioni durante la gravidanza e l’allattamento. Il Vidatox contiene
alcol al 33%, per cui si raccomanda di diluire la dose proposta secondo la
posologia, alle persone con la via orale con lesioni e/o sensibili allo
stesso. L’uso di questo prodotto non esclude e non limita l’applicazione di
altri trattamenti convenzionali contro le neoplasie. Si prendono 5 gocce
sotto la lingua ogni 12 ore e se il paziente non tollera il medicinale
direttamente in bocca, per il grado alcolico che lo preserva e/o per lesioni
nelle vie digestive, o perché la via orale è chiusa, si suggerisce d’aggiungere 15 mL (1 cucchiaio) di acqua bollita o purificata ogni 5 gocce
del medicinale, agitare in forma circolare con un cucchiaino di plastica
durante 1 minuto e poi di somministrare questa soluzione ogni  12 ore.
Per la somministrazione sublinguale si raccomanda la bocca completamente
pulita e libera da odori forti e da qualsiasi sapore. Inoltre non si deve
mangiare, bere, pulirsi i denti o fumare dopo la somministrazione (15-30
minuti prima e dopo). Non sono state rilevate sino al momento reazioni
contrarie. Il medicinale si può somministrare anche attraverso la sonda di
gastroscopia.
La scadenza è di tre anni, sempre che si compiano le indicazioni di
conservazione al di sotto dei 30 °C, in un luogo secco e fresco,
proteggendolo dalla luce e rispettando  queste indicazioni: mantenere
lontano da apparecchi generatori di campi elettromagnetici (frigoriferi,
televisori, radio, computer, forni a microonde, telefoni cellulari, etc.).
Non raffreddare e mantenere lontano da profumi e odori forti. Il medicinale
non va mai travasato in un’altra boccetta.
La trasmissione televisiva “Le iene” ha fatto conoscere questo prodotto in
Italia, facendo una ripresa con la telecamera nascosta nella stessa
Labiofam, per mostrare che l’impresa produce e regala questo prodotto
antitumorale.
Il direttore della Labiofam si è dispiaciuto del fatto che la trasmissione
sia stata realizzata in questo modo: “Nascondere la telecamera è stato
assolutamente inutile” - ha detto il dottor José Antonio Fraga (per la
curiosità cugino di Fidel) - perché potevano semplicemente venire a parlare
e domandare, parlare con i pazienti cubani e stranieri e con i familiari che
richiedono il prodotto, constatare che lo regaliamo e controlliamo i casi di
tutti indistintamente...”

Scrivi commento

Commenti: 0

ULTIMI VIDEO E FOTO

Pubblichiamo nella sezione archivio le motivazioni della sentenza di condanna dei dirigenti Pirelli nel processo di 1° grado decisa dal Tribunale di Milano - Giudice Martorelli per i lavoratori morti d'amianto. (gennaio 2016).

Video del corteo contro l'amianto e i morti sul lavoro- 18 aprile 2015 a Sesto san Giovanni.

Servizio TG RAI sulla protesta per l'assoluzione dei dirigenti Enel.

Assemblea del Comitato del 31 gennaio 2015.

Corteo contro i morti per amianto e lo sfruttamento del 26 aprile 2014

Marzo 2014. Video - intervista al Comitato di Altraeconomia sulla responsabilità dei dirigenti per le morti operaie per amianto e sul processo contro i dirigenti Pirelli in corso a Milano

FOTO DEL CORTEO A LUCCA IN SOLIDARIETA' ALLE VITTIME DELLA STRAGE DI VIAREGGIO.

video e foto della manifestazione a Roma l'8 ottobre 2013 alla Camera dei Deputati delle associazioni e comitati contro l'amianto

Video della presentazione de "La fabbrica del panico" con gli operai della Breda Fucine, l'autore del romanzo Stefano Valenti, Guido Viale e Michele Michelino  

nella sezione video riportiamo immagini della protesta contro l'Inail del 15 maggio 2013 e l'incontro fra la nostra delegazione e quella dell'Inail

Intervista del nostro Comitato a Sky tg24 del 21 novembre 2012

Pubblichiamo nella sezione "Leggi" (in alto sulla pagina)

 

 

il Decreto interministeriale sul Fondo per le Vittime dell'amianto del 13 gennaio 2011

 

News

Foto del corteo del 27 aprile 2013 a Sesto San Giovanni contro l'amianto e lo sfruttamento.

Nuove foto e video del presido operaio contro l'Inail del 16/01/2013

Nella sezione video immagini della conferenza stampa sull'amianto nel palazzo Comunale di via Larga a Milano e servizio di RAI 3 del 2 aprile 2012

nella sezione stampa, nuovi articoli sul processo Pirelli a Milano

Nella sezione foto, nuove fotografie del presidio al Tribunale di Trento del 12 dicembre 2011 e nella sezione video le immagini.

Nella sezione foto immagini dell'assemblea dell'8 ottobre 2011.

 

 Nella sezione foto, nuove immagini delle iniziative fatte nel mese di agosto 2011.

Nella sezione foto, immagini della conferenza stampa del 15 giugno 2011 a Bassano del Grappa (Vi)

NELLA SEZIONE FOTO IMMAGINI DELLA FIACCOLATA A L'AQUILA DEL 6 APRILE 2011

Nella finestra stampa ci sono nuovi articoli apparsi sui giornali.

 

Nella sezione foto ci sono le ultime e tante altre.

Nella finestra Archivio, ci sono le ultime sentenze di importanza Nazionale

Nella sezione video potete trovare i filmati della II Conferenza Nazionale sull'Amianto del 6-7-8 novembre 2009 a Torino.

Nella sezione libri trovate i nostri testi