Intervista a un operaio della ex Breda Fucine di Sesto San Giovanni (Mi)

Italia: 'Ecco come costruivamo le armi di Gheddafi'


Luigi Consonni, ex operaio Breda Fucine, denuncia le implicazioni dell'industria italiana nei massacri libici

Cinque ex operai della Breda Fucine di Sesto San Giovanni hanno spedito una lettera ai giornali nella quale denunciano le "lacrime di coccodrillo versate da politici e industriali" corresponsabili della carneficina libica.
Anche la loro fabbrica, partecipata dallo Stato italiano, "ha fornito armi, bombe, cannoni e mitragliatrici per le navi e gli aerei (e le contraeree) che oggi sparano sugli insorti". L'ha fatto almeno dagli anni Ottanta, ma forse anche da prima.

PeaceReporter ha contattato Luigi Consonni, primo firmatario di quella lettera.

Su quali basi ritenete che la Breda abbia fornito armi a Gheddafi? 

Non abbiamo prove, ma riteniamo di aver prodotto armi per Gheddafi dalla metà degli anni Ottanta a quando la Breda Fucine è stata messa in liquidazione (1992, poi venduta alla Metalcam del gruppo Tassara nel 1996, ndr). Le prove mancano perché noi facevamo gli sgrossatori per Breda Meccanica Bresciana, per Agusta e soprattutto per Oto Melara.

Cosa significa "sgrossatori"?

Breda Fucine aveva una grossa forgia che da grandi pezzi d'acciaio estraeva cannoni. La trave andava nel forno, poi era tirata fuori incandescente e infine messa sotto una pressa da cui usciva a forma di cannone. Questo era poi mandato al trattamento termico per dargli le caratteristiche tecniche necessarie alla lavorazione. Infine in torneria, dove veniva fatta la sgrossatura dell'involucro esterno e il foro interno del cannone. A questo punto, dalla Breda Fucine passava alla Oto Melara che lo rifiniva. Per cui il pezzo definitivo era molto diverso da quello che lavoravamo noi, che comunque era indubbiamente un cannone.

Producevate altre armi?

Noi le chiamavamo "le cannette". Forgiavamo dei piccoli pezzi d'acciaio che diventavano dei tubi lunghi - un metro, un metro e mezzo - e sottili. Erano le canne delle mitragliatrici antiaeree e sicuramente anche di quelle che venivano messe sugli aerei e sugli elicotteri dell'Agusta. La Breda Meccanica Bresciana rifiniva questi pezzi e poi li passava all'Agusta.
Per avere le prove della vendita a Gheddafi bisognerebbe passare per Breda Bresciana, Oto Melara e Agusta.
Altri operai ci hanno raccontato che spesso si faceva una triangolazione con la Germania per evitare che emergesse il rapporto con Gheddafi, che in quel momento - siamo negli anni Ottanta - era il "mostro" additato da Reagan. Si vendeva alla Germania - per cui noi producevamo anche i cannoni dei carri armati Leopard - che a sua volta vendeva a Gheddafi.

Nel 1991 c'è la prima guerra del Golfo, la prima a cui partecipa anche l'Italia, e lì comincia la vostra presa di coscienza.

Ci fu una sollevazione, soprattutto tra gli operai più giovani. Aderimmo alla manifestazione spontanea che ci fu a Milano, eravamo almeno ventimila. Chiedemmo anche ai sindacati di fare una raccolta di firme per sensibilizzare sulla produzione di armi. Di fatto questo tema si innestò su una presa di coscienza preesistente, visto che la Breda non andava bene da tempo e c'era già un comitato di lotta a cui aderivano molti operai e su cui convergevano lavoratori che venivano da altre fabbriche. Avevamo anche un giornale di fabbrica.
Poi la Breda fu scorporata in tre pezzi.

Gabriele Battaglia

 

Scrivi commento

Commenti: 0

ULTIMI VIDEO E FOTO

Pubblichiamo nella sezione archivio le motivazioni della sentenza di condanna dei dirigenti Pirelli nel processo di 1° grado decisa dal Tribunale di Milano - Giudice Martorelli per i lavoratori morti d'amianto. (gennaio 2016).

Video del corteo contro l'amianto e i morti sul lavoro- 18 aprile 2015 a Sesto san Giovanni.

Servizio TG RAI sulla protesta per l'assoluzione dei dirigenti Enel.

Assemblea del Comitato del 31 gennaio 2015.

Corteo contro i morti per amianto e lo sfruttamento del 26 aprile 2014

Marzo 2014. Video - intervista al Comitato di Altraeconomia sulla responsabilità dei dirigenti per le morti operaie per amianto e sul processo contro i dirigenti Pirelli in corso a Milano

FOTO DEL CORTEO A LUCCA IN SOLIDARIETA' ALLE VITTIME DELLA STRAGE DI VIAREGGIO.

video e foto della manifestazione a Roma l'8 ottobre 2013 alla Camera dei Deputati delle associazioni e comitati contro l'amianto

Video della presentazione de "La fabbrica del panico" con gli operai della Breda Fucine, l'autore del romanzo Stefano Valenti, Guido Viale e Michele Michelino  

nella sezione video riportiamo immagini della protesta contro l'Inail del 15 maggio 2013 e l'incontro fra la nostra delegazione e quella dell'Inail

Intervista del nostro Comitato a Sky tg24 del 21 novembre 2012

Pubblichiamo nella sezione "Leggi" (in alto sulla pagina)

 

 

il Decreto interministeriale sul Fondo per le Vittime dell'amianto del 13 gennaio 2011

 

News

Foto del corteo del 27 aprile 2013 a Sesto San Giovanni contro l'amianto e lo sfruttamento.

Nuove foto e video del presido operaio contro l'Inail del 16/01/2013

Nella sezione video immagini della conferenza stampa sull'amianto nel palazzo Comunale di via Larga a Milano e servizio di RAI 3 del 2 aprile 2012

nella sezione stampa, nuovi articoli sul processo Pirelli a Milano

Nella sezione foto, nuove fotografie del presidio al Tribunale di Trento del 12 dicembre 2011 e nella sezione video le immagini.

Nella sezione foto immagini dell'assemblea dell'8 ottobre 2011.

 

 Nella sezione foto, nuove immagini delle iniziative fatte nel mese di agosto 2011.

Nella sezione foto, immagini della conferenza stampa del 15 giugno 2011 a Bassano del Grappa (Vi)

NELLA SEZIONE FOTO IMMAGINI DELLA FIACCOLATA A L'AQUILA DEL 6 APRILE 2011

Nella finestra stampa ci sono nuovi articoli apparsi sui giornali.

 

Nella sezione foto ci sono le ultime e tante altre.

Nella finestra Archivio, ci sono le ultime sentenze di importanza Nazionale

Nella sezione video potete trovare i filmati della II Conferenza Nazionale sull'Amianto del 6-7-8 novembre 2009 a Torino.

Nella sezione libri trovate i nostri testi