CONTRO LA GUERRA

 

CONTRO I BOMBARDAMENTI IN LIBIA.

CONTRO TUTTE LE GUERRE IMPERIALISTE.

SOLIDARIETA’ CON GLI OPERAI, I PROLETARI ED I POPOLI SFRUTTATI DEL MONDO.

 Ancora una volta le potenze occidentali, dopo aver armato per decenni il governo libico e fatto lauti affari con i suoi dirigenti, intervengono militarmente contro un paese sovrano con la scusa dell’intervento “umanitario” a favore delle popolazioni civili e dei “ribelli”. Gli insorti, guidati dagli stessi ministri e generali fino a ieri fedeli servitori di Gheddafi, sostengono il lancio di missili e bombe “umanitarie” su Tripoli ed altre città della Libia controllate da Gheddafi. La crisi economica mondiale spinge a una nuova spartizione delle zone d’influenza nel mondo e la concorrenza interimperialista acuisce i contrasti e la lotta per accaparrarsi le materie prime, petrolio, gas, acqua, e altro ancora. Il terremoto in Giappone con le sue conseguenze devastanti sulla popolazione, e i danni alle centrali nucleari, con la perdita di sostanze radioattive, avranno ripercussioni anche sull’opinione pubblica dei paesi occidentali.

Questo ha accelerato le contraddizioni ed i paesi imperialisti fanno a gara per arrivare prima alle risorse di questi paesi. Non è un caso che la Francia, il paese con più centrali nucleari in Europa, sia stato il primo insieme alla Gran Bretagna e agli Usa a bombardare la Libia, cercando un “nemico” che distogliesse l’opinione pubblica dai pericoli rappresentati dalla loro politica energetica, nel tentativo di mettere le mani sul petrolio e il gas, distogliendo nel frattempo l’attenzione dei loro cittadini. Nascondendosi dietro la foglia di fico della risoluzione dell’ONU, il governo italiano, il suo presidente del Consiglio fino a ieri maggior alleato di Gheddafi a cui baciava in ossequio le mani, tutta l’opposizione, e addirittura il Capo dello Stato, ancora una volta si sono schierati attivamente dalla parte dei guerrafondai rivendicando la loro parte nella guerra in corso calpestando l’art. 11 della costituzione che recita: L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo.

Il nostro Comitato, composto da lavoratori e cittadini, che da anni si batte contro i morti sul lavoro e di lavoro, per la messa al bando delle sostanze cancerogene lottando e perseguendo il rischio zero contro i cancerogeni, per il diritto alla salute e alla salvaguardia della natura,

esprime il più totale dissenso dal governo, dal parlamento e dal Capo dello Stato.

Contro tutte le guerre, in solidarietà al lavoratori e ai popoli di tutto il mondo, saremo presenti a tutte le manifestazioni contro questa ennesima barbarie.

                               Comitato Difesa della Salute nei Luoghi di Lavoro e nel Territorio

 

Sesto S.Giovanni, 22/03/2011

 

 

 

 

c/o Centro di Iniziativa Proletaria “G.Tagarelli”

Via Magenta 88 –20099 Sesto S.Giovanni (MI) tel/fax 02.26224099 e-mail: cip.mi@tiscalinet.it

sito Internet del Comitato:   http://comitatodifesasalutessg.jimdo.com

contro i bombardamenti in Libia2[1].pdf
Documento Adobe Acrobat 222.6 KB

Scrivi commento

Commenti: 0

ULTIMI VIDEO E FOTO

Pubblichiamo nella sezione archivio le motivazioni della sentenza di condanna dei dirigenti Pirelli nel processo di 1° grado decisa dal Tribunale di Milano - Giudice Martorelli per i lavoratori morti d'amianto. (gennaio 2016).

Video del corteo contro l'amianto e i morti sul lavoro- 18 aprile 2015 a Sesto san Giovanni.

Servizio TG RAI sulla protesta per l'assoluzione dei dirigenti Enel.

Assemblea del Comitato del 31 gennaio 2015.

Corteo contro i morti per amianto e lo sfruttamento del 26 aprile 2014

Marzo 2014. Video - intervista al Comitato di Altraeconomia sulla responsabilità dei dirigenti per le morti operaie per amianto e sul processo contro i dirigenti Pirelli in corso a Milano

FOTO DEL CORTEO A LUCCA IN SOLIDARIETA' ALLE VITTIME DELLA STRAGE DI VIAREGGIO.

video e foto della manifestazione a Roma l'8 ottobre 2013 alla Camera dei Deputati delle associazioni e comitati contro l'amianto

Video della presentazione de "La fabbrica del panico" con gli operai della Breda Fucine, l'autore del romanzo Stefano Valenti, Guido Viale e Michele Michelino  

nella sezione video riportiamo immagini della protesta contro l'Inail del 15 maggio 2013 e l'incontro fra la nostra delegazione e quella dell'Inail

Intervista del nostro Comitato a Sky tg24 del 21 novembre 2012

Pubblichiamo nella sezione "Leggi" (in alto sulla pagina)

 

 

il Decreto interministeriale sul Fondo per le Vittime dell'amianto del 13 gennaio 2011

 

News

Foto del corteo del 27 aprile 2013 a Sesto San Giovanni contro l'amianto e lo sfruttamento.

Nuove foto e video del presido operaio contro l'Inail del 16/01/2013

Nella sezione video immagini della conferenza stampa sull'amianto nel palazzo Comunale di via Larga a Milano e servizio di RAI 3 del 2 aprile 2012

nella sezione stampa, nuovi articoli sul processo Pirelli a Milano

Nella sezione foto, nuove fotografie del presidio al Tribunale di Trento del 12 dicembre 2011 e nella sezione video le immagini.

Nella sezione foto immagini dell'assemblea dell'8 ottobre 2011.

 

 Nella sezione foto, nuove immagini delle iniziative fatte nel mese di agosto 2011.

Nella sezione foto, immagini della conferenza stampa del 15 giugno 2011 a Bassano del Grappa (Vi)

NELLA SEZIONE FOTO IMMAGINI DELLA FIACCOLATA A L'AQUILA DEL 6 APRILE 2011

Nella finestra stampa ci sono nuovi articoli apparsi sui giornali.

 

Nella sezione foto ci sono le ultime e tante altre.

Nella finestra Archivio, ci sono le ultime sentenze di importanza Nazionale

Nella sezione video potete trovare i filmati della II Conferenza Nazionale sull'Amianto del 6-7-8 novembre 2009 a Torino.

Nella sezione libri trovate i nostri testi