MANOVRA ECONOMICA DEL GOVERNO: UN'ALTRA STANGATA PER OPERAI, LAVORATORI E PENSIONATI

Manovra economica del governo: un’altra stangata per i proletari

Tra i punti salienti della quarta versione della manovra finanziaria 2011 votata con la fiducia il 14 settembre ci sono il pareggio del bilancio e l’aumento dell’aliquota Iva dal 20% al 21%.

Inoltre si allunga il periodo di accertamento di un anno per i redditi 2002 che hanno fruito del condono fiscale e si anticipa la riforma delle pensioni al 2014 secondo una tabella che definisce nuove scadenze per andare in pensione e si introduce la libertà di licenziare e annullare i contratti nazionali. 

 

 

In dettaglio:

  • IVA al 21% (invece del 20%) con impatto immediato sul costo di moltissimi beni, mentre le aliquote del 10% e 4% restano per il momento invariate;
  • contributo di solidarietà del 3% per redditi sopra 300mila euro (esclusa prima casa), con tassazione sulla parte eccedente tale tetto e con impatto su 34mila contribuenti, in vigore fino al pareggio di bilancio (e non solo dal 1° gennaio 2011 al 31 dicembre 2013);
  • pareggio di bilancio, con vincolo inserito nell'articolo 81 della Costituzione;
  • Province: un ddl costituzionale imporrà il passaggio di competenze alle Regioni con modifica dell’ articolo 114 della Costituzione.

 

Una cosa è certa: l’aumento dell’Iva produrrà una catena di aumenti che si sommeranno a quelli che governo, regioni, province e comuni scaricheranno sugli strati più poveri della popolazione.

Se a questo aggiungiamo le creste dei commercianti, che sono soliti approfittare di tutte le occasioni per ritoccare al rialzo i prezzi, come fu per il passaggio dalla lira all’euro, si capisce che saranno penalizzati sempre i più poveri.

 

Contributo di solidarietà: anche qui, dopo tante chiacchiere il contributo di solidarietà è stato ridimensionato salvando i grandi patrimoni del capitale, della finanza e della rendita parassitaria. La “solidarietà” dei contribuenti con maggiori redditi consiste in una addizionale Irpef aggiuntiva del 3% da calcolare solo sulla parte eccedente i 300.000 euro.

 

Riduzione stipendi onorevoli: riduzione del 10-20% alle pensioni dei parlamentari e del 10% ai compensi degli onorevoli che svolgono un altro lavoro (Così gli onorevoli avvocati, medici, notai ecc potranno continuare a fare più lavori contemporaneamente)

 

Anticipo della riforma sulle pensioni al 2014: previsto anche l’anticipo della riforma delle pensioni con allineamento dell’età pensionabile a 65 anni anche per le donne del settore privato.

 

Dopo le proteste, per il momento, è scomparso dal testo l’emendamento sull’annullamento del riscatto degli anni di laurea e del servizio militare e quello proposto dal Ministro Calderoli esponente della Lega Nord che volevaintervenire sulle pensioni di chi non ha mai lavorato, a cominciare da quelle di reversibilità e dall’indennità di accompagnamento”; si badi bene, non su quelle dei parlamentari lazzaroni e mangiapane a tradimento. Il governo stavolta ci ha provato per vedere la reazione, ma non c’è da illudersi perchè torneranno alla carica nelle prossima manovra che si annuncia.

 

Contrattazione in azienda. Con l’art. 8 i contratti sottoscritti a livello aziendale o territoriale a maggioranza dei sindacati più rappresentativi operano in deroga alle disposizioni di legge e ai contratti collettivi nazionali.

Con questa norma, si introduce la Libertà di licenziare annullando di fatto l’art. 18 dello Statuto dei Lavoratori sulla giusta causa e si cerca di annullare la contrattazione nazionale, sposando in pieno la linea Marchionne e della Fiat.


Lotta all’evasione fiscale: E’previsto il carcere per chi evade oltre 3 milioni di euro: l’imposta evasa dovrà però essere superiore al 30% del volume d’affari. l’inasprimento della lotta all’evasione fiscale viene fatta dando maggior potere all’Agenzia delle entrate in tema di accertamento fiscale e indagini sui conti correnti bancari.

 

Tagli agli Enti Locali per 6 miliardi: Comuni e regioni potranno aumentare l’addizionale Irpef.

 

Tagli ai Ministeri: Per il momento sono rimandati a data da destinarsi. Il ministero dell’Economia dovrà presentare al Parlamento un programma di razionalizzazione della spesa dei ministeri: previsti futuri tagli per 6 miliardi.

 

Aumento delle tasse per le cooperative: Ridotta del 10% l’esclusione dal reddito imponibile della quota degli utili netti destinate a riserve indivisibili.

 

Tagli alle agevolazioni fiscali: previste riduzioni delle agevolazioni fiscali se il governo non attuerà la delega entro il 30 settembre 2012.

 

 

A luglio il debito pubblico italiano è salito a 1911,8 miliardi di euro, 10 miliardi di euro in più rispetto al mese precedente, con queste misure, il governo Berlusconi ha dimostrato ancora una volta di essere il “Comitato d’affari” dei grandi capitali, degli speculatori e delle grandi banche, svuotando le tasche degli operai, lavoratori e pensionati. Come sempre pagano i proletari, il governo taglia risorse e servizi ai poveri per darli ai ricchi.

Scrivi commento

Commenti: 0

ULTIMI VIDEO E FOTO

Pubblichiamo nella sezione archivio le motivazioni della sentenza di condanna dei dirigenti Pirelli nel processo di 1° grado decisa dal Tribunale di Milano - Giudice Martorelli per i lavoratori morti d'amianto. (gennaio 2016).

Video del corteo contro l'amianto e i morti sul lavoro- 18 aprile 2015 a Sesto san Giovanni.

Servizio TG RAI sulla protesta per l'assoluzione dei dirigenti Enel.

Assemblea del Comitato del 31 gennaio 2015.

Corteo contro i morti per amianto e lo sfruttamento del 26 aprile 2014

Marzo 2014. Video - intervista al Comitato di Altraeconomia sulla responsabilità dei dirigenti per le morti operaie per amianto e sul processo contro i dirigenti Pirelli in corso a Milano

FOTO DEL CORTEO A LUCCA IN SOLIDARIETA' ALLE VITTIME DELLA STRAGE DI VIAREGGIO.

video e foto della manifestazione a Roma l'8 ottobre 2013 alla Camera dei Deputati delle associazioni e comitati contro l'amianto

Video della presentazione de "La fabbrica del panico" con gli operai della Breda Fucine, l'autore del romanzo Stefano Valenti, Guido Viale e Michele Michelino  

nella sezione video riportiamo immagini della protesta contro l'Inail del 15 maggio 2013 e l'incontro fra la nostra delegazione e quella dell'Inail

Intervista del nostro Comitato a Sky tg24 del 21 novembre 2012

Pubblichiamo nella sezione "Leggi" (in alto sulla pagina)

 

 

il Decreto interministeriale sul Fondo per le Vittime dell'amianto del 13 gennaio 2011

 

News

Foto del corteo del 27 aprile 2013 a Sesto San Giovanni contro l'amianto e lo sfruttamento.

Nuove foto e video del presido operaio contro l'Inail del 16/01/2013

Nella sezione video immagini della conferenza stampa sull'amianto nel palazzo Comunale di via Larga a Milano e servizio di RAI 3 del 2 aprile 2012

nella sezione stampa, nuovi articoli sul processo Pirelli a Milano

Nella sezione foto, nuove fotografie del presidio al Tribunale di Trento del 12 dicembre 2011 e nella sezione video le immagini.

Nella sezione foto immagini dell'assemblea dell'8 ottobre 2011.

 

 Nella sezione foto, nuove immagini delle iniziative fatte nel mese di agosto 2011.

Nella sezione foto, immagini della conferenza stampa del 15 giugno 2011 a Bassano del Grappa (Vi)

NELLA SEZIONE FOTO IMMAGINI DELLA FIACCOLATA A L'AQUILA DEL 6 APRILE 2011

Nella finestra stampa ci sono nuovi articoli apparsi sui giornali.

 

Nella sezione foto ci sono le ultime e tante altre.

Nella finestra Archivio, ci sono le ultime sentenze di importanza Nazionale

Nella sezione video potete trovare i filmati della II Conferenza Nazionale sull'Amianto del 6-7-8 novembre 2009 a Torino.

Nella sezione libri trovate i nostri testi