ASSEMBLEA DEL COMITATO

una manifestazione del Comitato in solidarietà con i nostri compagni denunciati a Trento
una manifestazione del Comitato in solidarietà con i nostri compagni denunciati a Trento

SABATO 22 settembre ore 15,30 

  

ASSEMBLEA

  

al CENTRO D’ INIZIATIVA 

PROLETARIA “G. TAGARELLI”

Via Magenta 88 Sesto San Giovanni 

O.d.G.:

 1) Informazione sulle cause legali e sul processo Pirelli;

2) Resoconto sulle conclusioni del processo a Trento del 27 giugno;

  3) Presentazione del libro del prof. Giancarlo Ugazio “ASBESTO/AMIANTO: IERI-OGGI-DOMANI”;

4 ) Varie.

 

 

Tribunale di Trento: Assolti i nostri 8 compagni.

Tirare uova non è un reato!

   

È’ finito con l’assoluzione di tutti il processo a Trento contro 8 lavoratori del Comitato per la Difesa di Salute nei Luoghi di Lavoro e nel Territorio di Bassano del Grappa/ Tezze e del nostro Comitato, accusati di minacce e lancio di uova contro il Tribunale per le proteste contro la sentenza di primo grado del 24 maggio 2011 che assolveva i padroni delle Tricom Galvanica, responsabili della morte di 14 operai per patologie polmonari causate dalle sostanze cancerogene utilizzate nel processo produttivo (principalmente cromo esavalente e nikel).

 

Dopo le proteste erano partite le denunce e il 27 giugno 2012 il Tribunale di Trento (dove per competenza è stato spostato il processo contro i nostri compagni) ha emesso la sentenza: assolti perche “il fatto non sussiste”, confermando quello che i nostri comitati da anni sostengono: i responsabili delle morti operaie e dell’avvelenamento del territorio sono degli assassini.

A distanza di un anno anche la corte d’appello di Venezia, ribaltando la sentenza di 1° grado di Bassano, ha condannato i padroni della Tricom per omicidio colposo.

 

Questi importanti risultati sono stati ottenuti grazie alla presenza e partecipazione continua, dentro e fuori le aule dei tribunali, dei famigliari delle vittime e dei nostri compagni organizzati dai due Comitati, insieme alla solidarietà che si espressa intorno a questa lotta e alla eccellente difesa dei nostri avvocati Giudiceandrea e De Bartolini.

 


Bollettino n. 62


 

Aggiornamenti sulle cause legali per i “benefici” pensionistici previsti dalla legge 257 sull’amianto

 

Le cause legali attualmente in essere vanno avanti a ciclo alterno.

Per due lavoratori il tribunale di Monza (giudice dott.sa Rotolo), accogliendo il ricorso dell’INPS, ha considerato decaduto il ricorso di due ex lavoratori Breda ( V. L. e   F. C, perché è passato troppo tempo fra la presentazione della domanda e la causa, dando quindi torto ai lavoratori senza entrare nel merito. Due diversi giudici del tribunale di Milano hanno invece respinto le eccezioni dell’INPS e hanno dato ragione ai lavoratori, accertando e accogliendo il diritto alla pensione e alla rivalutazione. Queste ultime due cause sono già passate in giudicato nel mese di agosto, con soddisfazione dei lavoratori e del Comitato. Altre sono in corso.

 

   

Ripresa delle trattative con l’INAIL

 

  Nel mese di luglio sono riprese le trattative con l’Inail per il riconoscimento dei contributi previdenziali ai lavoratori ex esposti che riguardano 15 lavoratori della Breda Fucine (nel frattempo 3 ex lavoratori, G. Sgrambiglia, A. Carbonaro e B. Russo, hanno vinto la causa in tribunale, come scritto sopra).

Abbiamo chiesto la revisione del precedente giudizio negativo e avuto due colloqui con il direttore dell’Inail di Milano Sabaudia, a cui abbiamo fornito la documentazione di tutti i lavoratori. Entro il mese di settembre dovrebbero cominciare le trattative. Per l’occasione organizzeremo un presidio di tutti i lavoratori sotto l’Inail il giorno della trattativa.

 

 

Processo Pirelli: il Tribunale di Milano esclude il nostro Comitato come parte civile.

Anche se esclusi dal processo come parte civile (ricordiamo che il nostro Comitato aveva chiesto un euro di risarcimento), i legali dei dirigenti Pirelli e i loro assistiti non hanno molto da rallegrarsi perché nel processo ci saremo comunque. Alcuni nostri associati - ex lavoratori della fabbrica Pirelli citati come testimoni - ricostruiranno il ciclo produttivo e testimonieranno su come sono stati costretti a lavorare con l’amianto senza essere informati dei rischi che correvano, rischi ben conosciuti dai dirigenti aziendali. Questa vicenda dimostra, una volta di più, che il cammino per avere giustizia è ancora lungo. Ricordiamo che il 16 luglio scorso, con le stesse motivazioni, il GUP del Tribunale di Milano aveva escluso dal processo dell’Eureco (la fabbrica di Paderno Dugnano dove morirono bruciati 4 operai) il “Comitato a sostegno dei familiari delle vittime e dei lavoratori Eureco” e tutte le Associazioni, dimostrando anche in questo caso un orientamento che tende a escludere le parti civili “scomode”, che non sono in vendita, cioè i Comitati che hanno iniziato le lotte e che vengono invece regolarmente esclusi dai procedimenti.

 

Bollettino n. 62

 

Approvata la nuova Legge Regionale sull’amianto

Il Consiglio Regionale della Lombardia ha approvato la nuova legge sul risanamento dell'ambiente, la bonifica e lo smaltimento dell'amianto. Ma la legge presenta una carenza finanziaria, perché prevede solo 2 milioni di euro all'anno per tre anni, cifra assolutamente insufficiente, e non interviene sul problema dello smaltimento in sicurezza, come riportato nel primo comunicato del nostro Comitato che si può leggere nel sito. La battaglia delle Associazioni e dei Comitati - che da anni si battono contro le fibre killer denunciando che l’amianto è una grave emergenza ambientale, sociale, umana e sanitaria - ha ottenuto così un importante risultato.

Finora in Lombardia la sorveglianza sanitaria era riservata ai lavoratori e ai famigliari di poche realtà lavorative, quelle che con la lotta erano riuscite a imporre rapporti di forza tali da far rispettare le norme già previste dalla legge regionale (n. 1 del 29 settembre 2003 e dalla Direttiva CE n. 18 del 27 marzo 2003 recepita con D. Lgs, n. 257 del 25 luglio 2006), che dispongono di proseguire la sorveglianza sanitaria anche dopo la cessazione dell’esposizione all’amianto. Ora, si spera, con la nuova legge questo diritto sarà esteso a tutti. La legge ridefinisce anche le procedure per lo smaltimento dell’amianto, precisando i compiti dei cittadini e le funzioni di controllo spettanti ai Comuni e alle ASL, ma molto rimane ancora da fare. Resta da risolvere il grave problema di dove mettere l’amianto dismesso, poiché sappiamo che le discariche non risolvono il problema. Il Piano Regionale Amianto Lombardia (PRAL) del 2003 si prefiggeva l’obiettivo di smaltire totalmente l’amianto in Regione Lombardia entro il 2015 ma con queste risorse limitate sarà impossibile raggiungere l’obiettivo.

 

Nuove conoscenze sull’amianto

 

 

  ASBESTO/AMIANTO IERI-OGGI-DOMANI: viaggio tra verità, ipocrisia, reticenza, dolore 

di Giancarlo Ugazio.

Al termine dell’assemblea il prof. Giancarlo Ugazio presenterà il suo nuovo libro uscito nello scorso luglio e pubblicato da Aracne editrice S.r.l. Ariccia (Rm) Citiamo dalla prefazione:

“La tesi di Giancarlo Ugazio che le fibrille di amianto «possano entrare nell’organismo sia per via inalatoria, sia gastrointestinale, poi, attraverso il circolo ematico, possano localizzarsi in qualunque tessuto» è un’affermazione che rivoluziona le tesi finora circolanti. Secondo l’autore, entrando in circolo le fibrille d’asbesto possono sviluppare la cancerogenesi «non solo a carico delle membrane sierose (pleura e simili) e del polmone, ma anche in: cervello, prostata, ovaio, mammella, colon, esofago». Oppure colpire il sistema nervoso centrale (morbo di Alzheimer, Autismo, Sclerosi Laterale Amiotrofica), e infine i tessuti emolinfopoietici (leucemie e linfogranulomi). Incontrare medici che trattano la salute degli altri come fosse, la propria è sempre più raro, eppure dovrebbe essere la normalità in virtù del giuramento di Ippocrate che ogni medico è chiamato a rispettare.”.

* * * * * * * * * *

 

Conferenza governativa sull’amianto a Venezia

 

IL COORDINAMENTO della associazioni e dei Comitati si riunirà 17 SETTEMBRE 2012 a Casale Monferrato in preparazione della CONFERENZA del 22 NOVEMBRE 2012 a VENEZIA

Il 17 settembre si terrà una riunione di coordinamento in occasione della presentazione della conferenza nazionale governativa sull’amianto, che si svolgerà a Venezia dal 22 al 24 Novembre.

La presentazione avverrà a Casale Monferrato da parte del Ministro della Salute Balduzzi con il Ministro Clini dell’Ambiente ed il Ministro del Lavoro Fornero, con la partecipazione di altre Autorità, di Raffaele Guariniello, del Presidente Inail De Felice, di Benedetto Terracini, il 17 Settembre 2012 alle ore 11, presso il Teatro Municipale, Piazza Castello.

Nella stessa giornata si svolgerà il coordinamento delle associazioni (fra cui il nostro Comitato) che presenzieranno a questa occasione, presso la Camera del Lavoro in Piazza Castello n.31 a Casale Monferrato, alle ore 15.00. Nella prima parte del pomeriggio parteciperanno all’incontro anche alcuni Dirigenti del Ministero della Sanità ed esperti nominati dal Ministro Balduzzi per la preparazione della Conferenza di Venezia, ai quali potremo richiedere eventuali chiarimenti o formulare proposte. Nell’assemblea del 22 settembre relazioneremo sull’incontro.

* * * * * * * * * * *

 

Ilva: La salute si difende eliminando la nocività.                

Riportiamo stralci del comunicato del Comitato sui fatti di Taranto

 

All’Ilva, come in molte fabbriche, esiste la necessità immediata e l’urgenza di intervenire con misure di protezione per bonificare la fabbrica e l’ambiente, sottraendo i lavoratori e i cittadini al lento - ma inevitabile - massacro cui sono sottoposti. Le prime vittime dell’Ilva sono gli operai che ci lavorano e le loro famiglie. Come scrive il Tribunale del Riesame di Taranto “Inquinare fu una scelta” che impone “l’interruzione della catena dei reati ancora in atto”. Inquinamento attuato coscientemente con la complicità di istituzioni comprate a suon di “mazzette”.

All’Ilva i sindacati confederali, invece di intervenire nel dibattito organizzando assemblee e lotte per la tutela del posto di lavoro e della salute operaia, denunciando i rischi per la salute in fabbrica e nel territorio - da anni hanno sposato la linea del padrone della competitività e della produzione ad ogni costo, ponendosi ora alla testa della mobilitazione reazionaria a favore del padrone e dei suoi leccapiedi.

Il dominio incontrastato del padrone nella fabbrica e nella società si evidenzia con le istituzioni che si schierano sempre col padrone. Come si sapeva da anni ed ora si è evidenziato nelle inchieste, in questi anni politici, sindacalisti, istituzioni, tecnici, erano e sono sul libro paga o usufruiscono delle generose “donazioni” della famiglia Riva. Contributi generosi padron Riva li ha dati a tutti. Dai 245 mila euro a Forza Italia ai 98mila del (futuro segretario del Pd) Pierluigi Bersani. Persino la chiesa e la parrocchia del quartiere Tamburi negli anni 2010 e 2011 hanno goduto di queste “donazioni” in cambio dell’assoluzione. Con l’ultima donazione di 365 mila euro alla chiesa padron Riva, oltre che il paradiso, si è comprato la benevolenza dell’istituzione religiosa che, nei suoi sermoni, non perde occasione di magnificare la sua generosità.

Delegare il posto di lavoro e la salute al sindacato, alle istituzioni e al padrone, è il modo migliore per perderli.

La scelta fra il morire di fame e il morire di cancro non è una scelta. La lotta del movimento operaio è da sempre una lotta contro lo sfruttamento, per eliminarne le cause: la società capitalista basata sullo sfruttamento dell’uomo sull’uomo.

La salute si rivendica e la nocività si elimina. Invece di fare cortei a favore del padrone, noi chiediamo la bonifica immediata dei siti inquinati e la chiusura dei reparti incriminati, con salario pieno per tutti i lavoratori interessati.

E’ questa la lotta che vale la pena di fare.

 

  Rinnovo tessera 2012

 

Non deleghiamo a nessuno la difesa dei nostri interessi. Siamo noi stessi gli artefici del nostro destino. La tessera, insieme alla partecipazione alle iniziative è la forma di appartenenza minima al nostro Comitato. Insieme alle sottoscrizioni dei soci, ci permette di essere indipendenti e autonomi, politicamente ed economicamente, da istituzioni, partititi politici, sindacati, e organismi religiosi. L’assemblea degli iscritti al Comitato ha deciso all’unanimità che ai soci che da 2 anni non rinnovano la tessera non verrà più inviato il bollettino informativo.

Invitiamo quindi tutti a rinnovarla e a partecipare alla vita del Comitato. Il costo della tessera, come deciso nell’ultima assemblea, è di € 25.                            

 

mail: cip.mi@tiscali.it                                                      http://comitatodifesasalutessg.jimdo.com

Scrivi commento

Commenti: 0

ULTIMI VIDEO E FOTO

Pubblichiamo nella sezione archivio le motivazioni della sentenza di condanna dei dirigenti Pirelli nel processo di 1° grado decisa dal Tribunale di Milano - Giudice Martorelli per i lavoratori morti d'amianto. (gennaio 2016).

Video del corteo contro l'amianto e i morti sul lavoro- 18 aprile 2015 a Sesto san Giovanni.

Servizio TG RAI sulla protesta per l'assoluzione dei dirigenti Enel.

Assemblea del Comitato del 31 gennaio 2015.

Corteo contro i morti per amianto e lo sfruttamento del 26 aprile 2014

Marzo 2014. Video - intervista al Comitato di Altraeconomia sulla responsabilità dei dirigenti per le morti operaie per amianto e sul processo contro i dirigenti Pirelli in corso a Milano

FOTO DEL CORTEO A LUCCA IN SOLIDARIETA' ALLE VITTIME DELLA STRAGE DI VIAREGGIO.

video e foto della manifestazione a Roma l'8 ottobre 2013 alla Camera dei Deputati delle associazioni e comitati contro l'amianto

Video della presentazione de "La fabbrica del panico" con gli operai della Breda Fucine, l'autore del romanzo Stefano Valenti, Guido Viale e Michele Michelino  

nella sezione video riportiamo immagini della protesta contro l'Inail del 15 maggio 2013 e l'incontro fra la nostra delegazione e quella dell'Inail

Intervista del nostro Comitato a Sky tg24 del 21 novembre 2012

Pubblichiamo nella sezione "Leggi" (in alto sulla pagina)

 

 

il Decreto interministeriale sul Fondo per le Vittime dell'amianto del 13 gennaio 2011

 

News

Foto del corteo del 27 aprile 2013 a Sesto San Giovanni contro l'amianto e lo sfruttamento.

Nuove foto e video del presido operaio contro l'Inail del 16/01/2013

Nella sezione video immagini della conferenza stampa sull'amianto nel palazzo Comunale di via Larga a Milano e servizio di RAI 3 del 2 aprile 2012

nella sezione stampa, nuovi articoli sul processo Pirelli a Milano

Nella sezione foto, nuove fotografie del presidio al Tribunale di Trento del 12 dicembre 2011 e nella sezione video le immagini.

Nella sezione foto immagini dell'assemblea dell'8 ottobre 2011.

 

 Nella sezione foto, nuove immagini delle iniziative fatte nel mese di agosto 2011.

Nella sezione foto, immagini della conferenza stampa del 15 giugno 2011 a Bassano del Grappa (Vi)

NELLA SEZIONE FOTO IMMAGINI DELLA FIACCOLATA A L'AQUILA DEL 6 APRILE 2011

Nella finestra stampa ci sono nuovi articoli apparsi sui giornali.

 

Nella sezione foto ci sono le ultime e tante altre.

Nella finestra Archivio, ci sono le ultime sentenze di importanza Nazionale

Nella sezione video potete trovare i filmati della II Conferenza Nazionale sull'Amianto del 6-7-8 novembre 2009 a Torino.

Nella sezione libri trovate i nostri testi