AMIANTO: ATTI DEL CONVEGNO DI ROMA

intervento del presidente del nostro Comitato alla camera dei deputati
intervento del presidente del nostro Comitato alla camera dei deputati

Riportiamo il verbale dell’incontro di Roma

 

Sintesi e Proposte al seguito del

 

CONVEGNO DI PRESENTAZIONE DEL PDL 1353 (ANTEZZA, SBROLLINI, BOCCUZZI, BIONDELLI, AMODDIO, ARLOTTI, MATTIELLO, PES, IACONO), DI DISCUSSIONE SULLO STATO DEL PIANO NAZIONALE AMIANTO, DI DECISIONE PER UNA MOBILITAZIONE PERMANENTE PER RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI (come sotto specificati)

 

25 LUGLIO 2013 – CAMERA DEI DEPUTATI ore 10-13

 

25 LUGLIO 2013 – ASSOCIAZIONE CENTOFIORI VIA GOITO 35 – ORE 15-18

 

Al convegno hanno partecipato alcuni deputati presentatori del pdl: Antezza, Boccuzzi,Arlotti, Biondelli, Iacono.

 

il coordinamento nazionale amianto:
AIEA (Milano, Turbigo, Ferrara, Roma, Ferentino, Matera, Potenza), ANMIL Roma, AREA Oristano, AVANI Broni, BanAsbestos Italia, Comitato per la difesa della salute nei luoghi di lavoro e sul territorio Sesto San Giovanni, Comitato permanente ex esposti Milazzo, Comitato Prevenzione Amianto Lombardia, Medicina Democratica Milano, Gruppo di Sulmona (L’Aquila), Nocaveallamianto Parma, No Amianto Barengo (NO).

I sindacati nazionali: CGIL-CISL-UIL – UGL,+ CGIL Lazio

Alcuni esperti: Ing. Giangrasso – ISPRA, Avv. De Berardinis –Sulmona, Avv. Cinzia Pasquale – Potenza. 

Il disegno di legge 1353/2013 è simile al disegno di legge n. 8/2013 presentato al senato dal sen. Casson e molti altri senatori, rivisitato al seguito di alcune modifiche legislative avvenute successivamente, in particolare il decreto Salva Italia (legge Fornero) e per ulteriori esigenze espresse da associazioni di ex esposti. In sostanza l’emendamento Paolone (così chiamato per la battaglia fatta da un ex esposto, Tiberio Paolone, che affetto da mesotelioma, è stato costretto a continuare a lavorare, causa l’allungamento del periodo lavorativo), utilizza una deroga del decreto Salva Italia che dà la possibilità di usufruire della situazione precedente, quindi di non considerare, per gli aventi diritto ai benefici previdenziali, l’allungamento degli anni di lavoro.
Inoltre un’altra modifica al ddl Casson riguarda il cd termine di decadenza che viene utilizzato dalla Magistratura per non procedere nell’esame del diritto ad ottenere i benefici previdenziali.

a)   Anzitutto le bonifiche a partire da quelle dei siti maggiormente contaminati e già individuati nel PNA, con particolare riferimento (come dai pdl senato e camera) per gli edifici pubblici;

b)   Si pone poi il problema della rimozione e dello smaltimento: la rimozione deve avvenire al più presto e quando ciò non sia possibile, occorre procedere alla messa in sicurezza. Il rischio della presenza di amianto sia quello friabile che quello compatto non può essere sottovalutato.

c)   Lo smaltimento in discarica o per inertizzazione? Nello specifico, anche al seguito della discussione fatta, la risposta è quella precedentemente assunta in altri documenti e pure contenuta nel PNA: ambedue i metodi non vanno esclusi (aggiungendo però anche altri luoghi nella misura in cui vengano certificati come vecchie miniere, gallerie in disuso e altro). Non è accettabile però riempire dei “buchi” con amianto semplicemente perché esistono e dargli il nome di discarica. Le discariche devono essere quelle abilitate per rifiuti tossico
nocivi ed avere tutte le caratteristiche tecniche di legge stabilite. Devono
essere pubbliche, quindi raccogliere il consenso delle popolazioni interessate (si veda l’esempio di Casale Monferrato). Anche gli inertizzatori devono avere il medesimo consenso. Poiché allo stato attuale non esiste una loro certificazione pubblica rispetto alle proposte tecniche avanzate da varie ditte e università, occorre che il Ministero dell’Ambiente si pronunci nel merito. Si deve pronunciare pure nel merito sulla validità dell’impianto “Aspireco”, forse l’unico sperimentato a livello industriale.
Ad ogni buon conto non sembra corretto, da parte delle associazioni e dei sindacati prendere posizione per questo o per quel metodo, l’incombenza spetta al Ministero dell’Ambiente. Ma, come già si afferma nel PNA, nella parte ambientale, non viene considerato corretto utilizzare gli inertizzatori per l’amianto compatto, visto il grande consumo di energia che richiedono. Si rende opportuno che ogni regione presenti la sua situazione quanto a mappa dei siti contaminati, bonifiche effettuate, luoghi di smaltimento, tempi previsti per l’eliminazione totale dell’amianto.

 

Nb: su questa materia si è resa disponibile a collaborare la dott.ssa Federica Paglietti, ricercatrice INAIL DIPIA con il suo gruppo. (1) che assolutamente ringraziamo.

 

d)   La questione sanitaria che nella Conferenza Nazionale di Venezia e nel PNA è stata la più discussa, diventa il terzo punto della rivendicazione. Per la sorveglianza sanitaria gratuita degli ex esposti
(lavoratori e non), occorre dare un temine (non superiore ai 6 mesi) alla Conferenza Stato-Regioni perché si pronunci sul protocollo che deve essere indicato come il più corretto per la sua messa in atto in tutte le regioni (registro degli ex esposti, sorveglianza attiva, counceling, visite ed indagini mirate in relazione ai sintomi). Vanno anche verificati i Registri dei Mesoteliomi considerando le difficoltà che alcuni di questi hanno per operare (organico, strumentazione) e, finalmente va risolto il problema della registrazione dei tumori asbesto correlati che provocano tumore del polmone.

 

e) Sulla ricerca clinica è opportuno conoscere quali siano i finanziamenti in atto, per quali ricerche e quali i finanziamenti previsti e per quali tempi. E’ altresì opportuno avere un quadro di tutte le ricerche e le sperimentazioni in atto, anche se al di fuori dei finanziamenti ministeriali.


E’ stato ancora sottolineato – e non è la prima volta – ai troppi ricorsi alla magistratura che i lavoratori sono costretti a presentare nei confronti dell’INAIL sia per le malattie professionali che per i risarcimenti previdenziali: troppi i costi sia per gli stessi lavoratori che per lo Stato. Idem per quello che riguarda il riferimento alle cd 100 f/l.
Oltre essere impossibile la sua dimostrazione il limite posto non è scientifico come ha bene precisato anche il Piano Nazionale Amianto.

 

Si vuole ancora richiamare l’attenzione di tutti, in particolare quella dei parlamentari sui conflitti di interesse che si creano ogni qual volta gli imputati accusati nei procedimenti che riguardano l’amianto e altre sostante tossiche e cancerogene, nominano consulenti – soprattutto universitari – che vengono pagati con cifre stratosferiche e quindi si esprimono in relazione,   non a scienza e coscienza, ma in grazia dell’impiego.

INIZIATIVE DI MOBILITAZIONE E DI LOTTA

Per rendere possibile tutto quanto è stato proposto sia perché i due pdl di Camera e Senato possano progredire, sia perché il Piano Nazionale Amianto possa effettivamente essere approvato e quindi messo in atto, si è deciso di attuare due tipi di iniziative:

una a livello centrale

varie a livello regionale.

La prima è in corrispondenza alla necessità di fare inserire nella legge finanziaria per il 2014 i fondi necessari per le richieste che sono state esposte e consiste nella individuazioni di tre giornate a settembre a Roma, il 25,26, 27 settembre, di cui il 26 viene individuato come il giorno centrale nel quale si svolgerà una manifestazione in piazza Montecitorio, mentre negli altri giorni viene previsto un presidio davanti alla RAI che ha rifiutato di inserire nei suoi programmi una campagna nazionale di informazione sull’amianto (su proposta della Fondazione “Sosteniamoli Subito” ), probabilmente il 25 pomeriggio, lasciando poi il resto del tempo dedicato ad incontri possibili, per primo con i Presidenti di Camera e Senato. Si è pure pensato che in uno di questi tre giorni ad un convegno europeo contro la prescrizione dei danni da lavoro cui le
legislazioni di diversi paesi ricorrono facilmente. E’ altresì prevista una
serata concertistica.

La seconda, cioè le iniziative a livello regionale verranno concordate, alla ripresa di settembre, con indicazione dei
sindacati nazionali, in appositi incontri per ogni regione fra i sindacati
regionali, le associazioni presenti, “Sosteniamoli Subito”. Iniziative che
dovranno essere svolte entro l’anno.

PER TUTTO CIO’ CHIDIAMO LA COLLABORAZIONE DEI SENATORI E DEPUTATI CHE SUL TEMA AMIANTO SI STANNO IMPEGNANDO A FONDO.

Fulvio Aurora

Milano, 29 luglio2013

(1) Gentili colleghi, tenuto conto delle risultanze dell’incontro del 25 Luglio 2013 alla Camera riportate in allegato, di cui si concorda pienamente il contenuto, si esprime la disponibilità della scrivente e di tutti i funzionari del Gruppo Amianto dell’INAIL DIPIA a partecipare a Commissioni e tavoli tecnici per l’elaborazione di documenti e norme di settore.

Ciò in considerazione della maturata esperienza e contributo tecnico-scientifico finora assicurato per la redazione del Piano Nazionale Amianto, ed in particolare del Capitolo 3 “Tutela dell’Ambiente” di propria stesura, e dei vari documenti tecnico scientifici prodotti (“Linee Guida per la corretta acquisizione delle informazioni relative alla Mappatura del territorio nazionale interessato dalla presenza di amianto”, la “Banca Dati della Mappatura dei siti contaminati da amianto”, le “Linee Guida Generali da adottare per la corretta gestione delle attività di bonifica da amianto nei SIN”, la “Mappatura degli impianti di smaltimento che accettano Rifiuti Contenenti Amianto in Italia” e, da ultimo, le Discariche italiane che accettano rifiuticontenenti amianto: analisi dei prezzi di smaltimento”).

Concordando pienamente sulla necessità di una urgente approvazione del Piano Nazionale Amianto, si rimane a disposizione per un eventuale supporto tecnico-scientifico.

Cordiali saluti

Dott.ssa
Federica PagliettiRicercatore - Responsabile Scientifico del Gruppo Amianto ed Aree ex-Estrattive Minerarie INAIL - Istituto Nazionale Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro - Settore Ricerca, Certificazione e Verifica DIPIA - Dipartimento Installazioni di Produzione ed Insediamenti Antropici


Researcher - Scientific Leader of Asbestos and Mines Team

INAIL - ItalianWorkers' Compensation Authority - Research, Certification and VerificationDivision DIPIA - Departement of the Production Plants and Human Settlements

 

Via Alessandria 220 E - 00198 Roma - Italy

Tel. +39/06/97892667 - Fax +39/06/97892664

e-mail:
f.paglietti@inail.it

Scrivi commento

Commenti: 0

ULTIMI VIDEO E FOTO

Pubblichiamo nella sezione archivio le motivazioni della sentenza di condanna dei dirigenti Pirelli nel processo di 1° grado decisa dal Tribunale di Milano - Giudice Martorelli per i lavoratori morti d'amianto. (gennaio 2016).

Video del corteo contro l'amianto e i morti sul lavoro- 18 aprile 2015 a Sesto san Giovanni.

Servizio TG RAI sulla protesta per l'assoluzione dei dirigenti Enel.

Assemblea del Comitato del 31 gennaio 2015.

Corteo contro i morti per amianto e lo sfruttamento del 26 aprile 2014

Marzo 2014. Video - intervista al Comitato di Altraeconomia sulla responsabilità dei dirigenti per le morti operaie per amianto e sul processo contro i dirigenti Pirelli in corso a Milano

FOTO DEL CORTEO A LUCCA IN SOLIDARIETA' ALLE VITTIME DELLA STRAGE DI VIAREGGIO.

video e foto della manifestazione a Roma l'8 ottobre 2013 alla Camera dei Deputati delle associazioni e comitati contro l'amianto

Video della presentazione de "La fabbrica del panico" con gli operai della Breda Fucine, l'autore del romanzo Stefano Valenti, Guido Viale e Michele Michelino  

nella sezione video riportiamo immagini della protesta contro l'Inail del 15 maggio 2013 e l'incontro fra la nostra delegazione e quella dell'Inail

Intervista del nostro Comitato a Sky tg24 del 21 novembre 2012

Pubblichiamo nella sezione "Leggi" (in alto sulla pagina)

 

 

il Decreto interministeriale sul Fondo per le Vittime dell'amianto del 13 gennaio 2011

 

News

Foto del corteo del 27 aprile 2013 a Sesto San Giovanni contro l'amianto e lo sfruttamento.

Nuove foto e video del presido operaio contro l'Inail del 16/01/2013

Nella sezione video immagini della conferenza stampa sull'amianto nel palazzo Comunale di via Larga a Milano e servizio di RAI 3 del 2 aprile 2012

nella sezione stampa, nuovi articoli sul processo Pirelli a Milano

Nella sezione foto, nuove fotografie del presidio al Tribunale di Trento del 12 dicembre 2011 e nella sezione video le immagini.

Nella sezione foto immagini dell'assemblea dell'8 ottobre 2011.

 

 Nella sezione foto, nuove immagini delle iniziative fatte nel mese di agosto 2011.

Nella sezione foto, immagini della conferenza stampa del 15 giugno 2011 a Bassano del Grappa (Vi)

NELLA SEZIONE FOTO IMMAGINI DELLA FIACCOLATA A L'AQUILA DEL 6 APRILE 2011

Nella finestra stampa ci sono nuovi articoli apparsi sui giornali.

 

Nella sezione foto ci sono le ultime e tante altre.

Nella finestra Archivio, ci sono le ultime sentenze di importanza Nazionale

Nella sezione video potete trovare i filmati della II Conferenza Nazionale sull'Amianto del 6-7-8 novembre 2009 a Torino.

Nella sezione libri trovate i nostri testi