ANCORA MORTI PER IL PROFITTO

 

Di lavoro si continua a morire:

A Prato 7 operai sono morti e due feriti nel rogo di una fabbrica

 

Domenica mattina 1 dicembre dopo l’allarme lanciato da un passante che ha visto una colonna di fumo uscire dal capannone in cui dormivano e lavoravano lavoratori cinesi trattati come moderni schiavi sono scattati i soccorsi.  Alcuni soccorritori intervenuti immediatamente prima dell’arrivo dei vigili del fuoco hanno raccontato di aver visto il fumo e di essere intervenuti con un estintore, aiutando un altro lavoratore cinese che stava già lavorando in preda al panico per spegnere le fiamme fra le urla dei compagni imprigionati all’interno del capannone.

 

Al momento i morti sono sette, cinque uomini e due donne, gli operai della ditta trovati morti all'interno della fabbrica. Altri due sono invece rimasti gravemente ustionati e sono stati trasportati all’ospedale. Una giovane donna è rimasta ferita ma in maniera più lieve.

 

Come sempre, la logica del profitto non fa distinzioni di nazionalità, religione o colore della pelle, non guarda in faccia a nessuno. La sete di profitto d’imprenditori senza scrupoli che sfruttano fino all’osso i lavoratori, pagandoli con un tozzo di pane e un giaciglio di morte, per aziende e multinazionali straniere o italiane, “democratiche” della moda e del tessile, spesso dai nomi italiani che nascondono che il made in Italy è confezionato dalle piccole mani veloci degli immigrati orientali è la causa di queste continue stragi. Questa è un’altra strage annunciata. Governo, istituzioni, partiti e sindacati, tutti, sapevano le condizioni in cui erano costretti a vivere e lavorare questi operai e nulla hanno fatto per cambiarle, perchè il profitto viene prima di tutto

 

Oggi si sprecano le frasi di cordoglio di circostanza facendo finta di aver scoperto solo ora che dei lavoratori, degli esseri umani senza diritti, nuovi schiavi “moderni”, lavoravano e dormivano in ambienti costruiti in cartongesso su  un pagliericcio, in un capannone diviso anche altre ditte.

 

In questo lager anche le finestre erano sbarrate. Uno degli operai rimasti uccisi, aveva tentato invano di mettersi in salvo rompendo il vetro di una finestra del capannone ma le sbarre di ferro gli hanno impedito di mettersi in salvo.

 

Dopo la strage della ThyssenKrupp nel 2007, in cui 7 operai furono bruciati vivi e quella all’Eureco nel 2010 (4 operai morti carbonizzati) ora la strage si ripete, come se fossimo ancora nell’800, nascondendo che questa, invece, è la “modernità” del capitalismo.

 

Allora come oggi i padroni della fabbrica cercheranno di definire questa ennesima strage un “fatale incidente”; i politici di ogni colore alzano la voce sulle misure di sicurezza e i sindacati confederali, che accettano come legittimo il profitto, siglando in ogni accordo il peggioramento delle condizioni di lavoro si lavano s’indignano. Tutti i responsabili di questi omicidi, sono  parte integrante e complici di quel sistema di sfruttamento dei lavoratori che si chiama capitalismo e per salvare il sistema cercano di scaricare le responsabilità gli uni sugli altri.

 

I morti sul lavoro, e per malattie professionali non sono mai una fatalità: sono il costo pagato dagli operai alla realizzazione del profitto.

 

I morti sul lavoro sono parte della brutalità e della violenza del sistema capitalista. Protetti da leggi che tutelano la proprietà privata dei mezzi di produzione, lo sfruttamento e il profitto, i capitalisti hanno impunità e licenza di uccidere. Passata l’attenzione del momento dell’opinione pubblica, nulla cambierà, perché i borghesi e questo sistema sociale che si appropria della ricchezza prodotta dai lavoratori e si alimenta sul loro sfruttamento..

 

GLI OPERAI NEL SISTEMA CAPITALISTA NON SONO ALTRO CHE FORZA-LAVORO: CARNE DA MACELLO.

 

 

 

Comitato per la Difesa della Salute nei Luoghi di Lavoro e nel Territorio

 

 

 

e-mail:cip.mi@inwind.it                                                                         http://comitatodifesasalutessg.jimdo.com

 

Sesto San Giovanni, 2 dicembre 2013

 

Scrivi commento

Commenti: 0

ULTIMI VIDEO E FOTO

Pubblichiamo nella sezione archivio le motivazioni della sentenza di condanna dei dirigenti Pirelli nel processo di 1° grado decisa dal Tribunale di Milano - Giudice Martorelli per i lavoratori morti d'amianto. (gennaio 2016).

Video del corteo contro l'amianto e i morti sul lavoro- 18 aprile 2015 a Sesto san Giovanni.

Servizio TG RAI sulla protesta per l'assoluzione dei dirigenti Enel.

Assemblea del Comitato del 31 gennaio 2015.

Corteo contro i morti per amianto e lo sfruttamento del 26 aprile 2014

Marzo 2014. Video - intervista al Comitato di Altraeconomia sulla responsabilità dei dirigenti per le morti operaie per amianto e sul processo contro i dirigenti Pirelli in corso a Milano

FOTO DEL CORTEO A LUCCA IN SOLIDARIETA' ALLE VITTIME DELLA STRAGE DI VIAREGGIO.

video e foto della manifestazione a Roma l'8 ottobre 2013 alla Camera dei Deputati delle associazioni e comitati contro l'amianto

Video della presentazione de "La fabbrica del panico" con gli operai della Breda Fucine, l'autore del romanzo Stefano Valenti, Guido Viale e Michele Michelino  

nella sezione video riportiamo immagini della protesta contro l'Inail del 15 maggio 2013 e l'incontro fra la nostra delegazione e quella dell'Inail

Intervista del nostro Comitato a Sky tg24 del 21 novembre 2012

Pubblichiamo nella sezione "Leggi" (in alto sulla pagina)

 

 

il Decreto interministeriale sul Fondo per le Vittime dell'amianto del 13 gennaio 2011

 

News

Foto del corteo del 27 aprile 2013 a Sesto San Giovanni contro l'amianto e lo sfruttamento.

Nuove foto e video del presido operaio contro l'Inail del 16/01/2013

Nella sezione video immagini della conferenza stampa sull'amianto nel palazzo Comunale di via Larga a Milano e servizio di RAI 3 del 2 aprile 2012

nella sezione stampa, nuovi articoli sul processo Pirelli a Milano

Nella sezione foto, nuove fotografie del presidio al Tribunale di Trento del 12 dicembre 2011 e nella sezione video le immagini.

Nella sezione foto immagini dell'assemblea dell'8 ottobre 2011.

 

 Nella sezione foto, nuove immagini delle iniziative fatte nel mese di agosto 2011.

Nella sezione foto, immagini della conferenza stampa del 15 giugno 2011 a Bassano del Grappa (Vi)

NELLA SEZIONE FOTO IMMAGINI DELLA FIACCOLATA A L'AQUILA DEL 6 APRILE 2011

Nella finestra stampa ci sono nuovi articoli apparsi sui giornali.

 

Nella sezione foto ci sono le ultime e tante altre.

Nella finestra Archivio, ci sono le ultime sentenze di importanza Nazionale

Nella sezione video potete trovare i filmati della II Conferenza Nazionale sull'Amianto del 6-7-8 novembre 2009 a Torino.

Nella sezione libri trovate i nostri testi