STRAGE DI MINATORI IN TURCHIA

 

IL CAPITALISMO CONTINUA A UCCIDERE I LAVORATORI IN TUTTO IL MONDO

 

Michele Michelino (*)

 

Un’esplosione nella miniera di carbone di Soma, in Turchia ha provocato la morte, finora accertata, di 274 operai e tuttora sono dispersi 120 minatori. L’esplosione si è verificata a 420 metri di profondità quando i 787 lavoratori erano al lavoro e il fuoco e le fiamme hanno bruciato corpi vivi e poi il fumo non ha lasciato scampo a chi era sopravvissuto alle fiamme. In questa miniera come avviene ormai ovunque nel mondo capitalista, i propri profitti s’incrementano sulla pelle dei lavoratori, risparmiando sulla manutenzione e sulla sicurezza. Questo lo sanno bene i lavoratori e i loro famigliari che hanno preso a calci l’auto del primo ministro turco Erdogan gridandogli ”ladro”, “assassino”, “dimettiti”, costringendo il primo ministro e la sue guardie del corpo a scappare come topi e a rifugiarsi in un vicino supermercato.

 

Subito la protesta operaia e popolare e scoppiata in varie parti del paese. A Istanbul ci sono stati duri scontro fra manifestanti e polizia e la protesta si sta estendendo in tutto il paese.

 

Questo ennesimo crimine del capitale, questa strage di operai bruciati vivi come se fossimo ancora nell’800, è la “modernità” del capitalismo.

 

Nel disastro della miniera di MARCINELLE, in Belgio, nel 1956, furono quasi 300 le vittime, la maggior parte minatori emigranti italiani.

 

In Cina nel 2005, morirono 213 persone a causa di un'esplosione di gas in una miniera nel nord del Paese.

 

Nel 2010 in CILE, nella miniera di San José. Un crollo bloccò 33 minatori a circa 700 metri di profondità, fortunatamente in un rifugio con ossigeno e viveri. In quell'occasione, dopo 69 interminabili giorni, tutti i lavoratori furono portati in salvo.

 

Nel maggio 2013, in DARFUR, un crollo causò la morte di un centinaio di minatori e di 9 soccorritori.

 

Nella guerra quotidiana fra capitale e lavoro i morti sul lavoro non sono mai una fatalità: sono il costo pagato dagli operai alla realizzazione del profitto, sono parte della brutalità e della violenza del sistema capitalista. Protetti da leggi che tutelano la proprietà privata dei mezzi di produzione, lo sfruttamento e il profitto, i capitalisti in tutto il mondo hanno l’impunità e licenza di uccidere.

 

Non il “destino” fatale, ma l’aumento dello sfruttamento e il peggioramento delle condizioni di vita e di lavoro sono la causa principale degli infortuni e dei morti sul lavoro e di lavoro, perché NEL SISTEMA CAPITALISTA GLI OPERAI NON SONO ALTRO CHE FORZALAVORO: CARNE DA MACELLO.

 

Agli operai turchi e ai loro famigliari e tutte le vittime dello sfruttamento capitalista, va nostra solidarietà di classe.

 

Solo distruggendo dalle fondamenta il sistema capitalista, instaurando un sistema socialista che  abolisca lo sfruttamento dell’uomo sull’uomo considerandolo un crimine contro l’umanità, potremo smettere di piangere i nostri morti. Un altro mondo è possibile solo col socialismo.

 

(*) Centro di Iniziativa Proletaria “G.Tagarelli”, via Magenta 88, Sesto San Giovanni

 

 Sesto San Giovanni, 15 maggio 2014

 

Scrivi commento

Commenti: 0

ULTIMI VIDEO E FOTO

Pubblichiamo nella sezione archivio le motivazioni della sentenza di condanna dei dirigenti Pirelli nel processo di 1° grado decisa dal Tribunale di Milano - Giudice Martorelli per i lavoratori morti d'amianto. (gennaio 2016).

Video del corteo contro l'amianto e i morti sul lavoro- 18 aprile 2015 a Sesto san Giovanni.

Servizio TG RAI sulla protesta per l'assoluzione dei dirigenti Enel.

Assemblea del Comitato del 31 gennaio 2015.

Corteo contro i morti per amianto e lo sfruttamento del 26 aprile 2014

Marzo 2014. Video - intervista al Comitato di Altraeconomia sulla responsabilità dei dirigenti per le morti operaie per amianto e sul processo contro i dirigenti Pirelli in corso a Milano

FOTO DEL CORTEO A LUCCA IN SOLIDARIETA' ALLE VITTIME DELLA STRAGE DI VIAREGGIO.

video e foto della manifestazione a Roma l'8 ottobre 2013 alla Camera dei Deputati delle associazioni e comitati contro l'amianto

Video della presentazione de "La fabbrica del panico" con gli operai della Breda Fucine, l'autore del romanzo Stefano Valenti, Guido Viale e Michele Michelino  

nella sezione video riportiamo immagini della protesta contro l'Inail del 15 maggio 2013 e l'incontro fra la nostra delegazione e quella dell'Inail

Intervista del nostro Comitato a Sky tg24 del 21 novembre 2012

Pubblichiamo nella sezione "Leggi" (in alto sulla pagina)

 

 

il Decreto interministeriale sul Fondo per le Vittime dell'amianto del 13 gennaio 2011

 

News

Foto del corteo del 27 aprile 2013 a Sesto San Giovanni contro l'amianto e lo sfruttamento.

Nuove foto e video del presido operaio contro l'Inail del 16/01/2013

Nella sezione video immagini della conferenza stampa sull'amianto nel palazzo Comunale di via Larga a Milano e servizio di RAI 3 del 2 aprile 2012

nella sezione stampa, nuovi articoli sul processo Pirelli a Milano

Nella sezione foto, nuove fotografie del presidio al Tribunale di Trento del 12 dicembre 2011 e nella sezione video le immagini.

Nella sezione foto immagini dell'assemblea dell'8 ottobre 2011.

 

 Nella sezione foto, nuove immagini delle iniziative fatte nel mese di agosto 2011.

Nella sezione foto, immagini della conferenza stampa del 15 giugno 2011 a Bassano del Grappa (Vi)

NELLA SEZIONE FOTO IMMAGINI DELLA FIACCOLATA A L'AQUILA DEL 6 APRILE 2011

Nella finestra stampa ci sono nuovi articoli apparsi sui giornali.

 

Nella sezione foto ci sono le ultime e tante altre.

Nella finestra Archivio, ci sono le ultime sentenze di importanza Nazionale

Nella sezione video potete trovare i filmati della II Conferenza Nazionale sull'Amianto del 6-7-8 novembre 2009 a Torino.

Nella sezione libri trovate i nostri testi