PRESENTAZIONE LIBRO

Sabato 30 maggio 2015 – ore 17.00

presso il centro sociale del quartiere Margnan via D'Aviano (angolo via S.Caterina) Bassano del Grappa

Presentazione del libro "La fabbrica del panico" di StefanoValenti (premio Campiello – opera prima – 2014). Saranno presenti l'autore ed i lavoratori della Breda Fucine di Sesto S.Giovanni con il loro Comitato che racconteranno la loro storia di lavoro e per avere giustizia.


                                                                AL LAVORO COME IN GUERRA

 E' questa la realtà del nostro paese, dove nel ventennio 1946-'66, si sonoverificati 83mila morti e circa un milione di invalidi del lavoro, cioè il doppio deimenomati causati dalle due guerre mondiali, che furono mezzo milione.

Successivamente la media degli infortuni e delle malattie professionali èandata via via aumentando, arrivando a 1.650mila casi nel 1970. Poi, ancora

un primato: il nostro paese nel decennio 1996-2005 è risultato quello con il più alto numero di morti sul lavoro e di lavoro in Europa. Attualmente ci sono circa900mila invalidi e 150mila tra vedove e orfani che percepiscono una pensione.

 Un tragico destino? No, la conseguenza di scelte di politica economica compiute dalle classi dominanti.

Le cifre impressionanti della guerra del lavoro sono dovute alla cultura neoliberista dell'individualismo sfrenato, del taglio ai vincoli e ai controlli, della deregolamentazione più selvaggia del mercato del lavoro, sostenuta dai governi, dai padroni, dai sindacati complici.

La Costituzione di questa Repubblica dice che bisogna garantire l'integrità fisica del lavoratore. Invece viene sempre prima l'organizzazione del lavoro perl'impresa, per il profitto. Infatti questo paese presenta da un lato milioni di disoccupati alla ricerca di una prima occupazione, mentre dall'altro un quinto del prodotto nazionale è dovuto all'attività di lavoro in nero; mentre mille persone ogni anno perdono la vita sul lavoro e più del doppio per una malattia professionale che non perdona.

 Da una parte troviamo la stupefacente crescita del progresso tecnologico che moltiplica i beni della vita, mentre dall'altra vi è il cinismo del profitto come valore dominante, che corrode la stessa vita umana. Non è vero che il fine ultimo di questa società sia il progresso umano. Lo si dice, ma non è vero.

 Per anni ci siamo ubriacati di nord-est, del modello produttivo veneto, alla cui base stava nient'altro che lo sfruttamento più adatto di risorse umane e ambientali. Poi, con la crisi, è finita la sbornia. Nuove frontiere offrono ai padroni nuove opportunità di sfruttamento, territori vergini per nuovi guadagni.

E' tempo di delocalizzare? basta scegliere l'area geografica e il materiale umano più opportuni, e poi, anche se non si delocalizza, basta agitare l'idea, come arma per un nuovo ennesimo ricatto.

 E così le condizioni di lavoro peggiorano. Oggi capita con una certa frequenza di rimanere a casa in ferie (obbligatorie) o in cassa integrazione, gli straordinarie il lavoro festivo sono normalità, i salari sono da fame e lo spettro del licenziamento incombe su tutti, in particolare sui lavoratori più combattivi.

La manodopera in affitto cresce a dismisura, alimentando il mercato selvaggio della merce-uomo.

In questo scontro di civiltà, tra capitale e lavoro, vince il peggio, cioè il profitto.

 Le piccole imprese si ritengono al di fuori della legge e suppongono di non dover rispondere ad alcuna autorità, nè all'opinione pubblica in merito alle conseguenze in campo economico, sociale e ambientale delle loro attività.

Dichiarano di aver bisogno di gente elastica, disponibile sempre. I sindacati non li vogliono e i controlli nemmeno. Sono l'espressione compiuta della specializzazione flessibile e sopperiscono, così, alla crisi di medie e grandi aziende. Il loro valore aggiunto sta nel fatto di diventare ancor più flessibili.

Infatti nelle piccole realtà è ancor più facile eludere i controlli, già di per sé inesistenti. Propongono ai lavoratori la precarietà necessaria, massimizzando i ricavi e contenendo il più possibile i costi.

Le tragedie sul lavoro sono per loro banali e fortuiti incidenti che, non di rado, rivelano altrettanto tragici effetti collaterali su ambiente e risorse, come terra, aria ed acqua. I tumori dell'operaio sono anche malattie incurabili per l'ambiente.

 L'edilizia, la chimica, la cantieristica, ma anche i settori metalmeccanico, la stessa ceramica sono stati impestati per decenni di ogni genere di veleni industriali. Poi l'amianto o il cromo esavalente hanno presentato il conto, che sarà pagato chissà quando e con la morte di chissà quanti tra lavoratori e popolazione.

 Parlare di "giustizia", dopo la sequela di assoluzioni di questo periodo(ThyssenKrupp, Marlane, Enel, Eternit...), può sembrare ridicolo, ma è rivelatore del grado di barbarie di questa società, in cui la salute, l'istruzione, la giustizia e in generale tutti i diritti previsti dalla bella Costituzione Repubblicana sono solo quelli del padrone; per gli sfruttati non c'è pace, nè giustizia. Abbiamo capito ormai che tra il profitto, la ricchezza individuale e il benessere collettivo esiste una incompatibilità di fondo. E' al cambiamento di questa priorità che dobbiamo puntare.

Sabato 30 maggio 2015 – ore 17.00

presso il centro sociale del quartiere Margnan via D'Aviano (angolo via S.Caterina)

Bassano del Grappa

Presentazione del libro "La fabbrica del panico" di StefanoValenti (premio Campiello – opera prima – 2014).

Saranno presenti l'autore ed i lavoratori della Breda Fucine di Sesto S.Giovanni con il loro Comitato che racconteranno la loro storia di lavoro e per avere giustizia.

Dibattito pubblico

Dalle 20.00 cena collettiva (12 euro) con menu dellatradizione veneta (prenotazioni tel 377.1508711)

Assemblea Antifascista Bassanese

Scrivi commento

Commenti: 0

ULTIMI VIDEO E FOTO

Pubblichiamo nella sezione archivio le motivazioni della sentenza di condanna dei dirigenti Pirelli nel processo di 1° grado decisa dal Tribunale di Milano - Giudice Martorelli per i lavoratori morti d'amianto. (gennaio 2016).

Video del corteo contro l'amianto e i morti sul lavoro- 18 aprile 2015 a Sesto san Giovanni.

Servizio TG RAI sulla protesta per l'assoluzione dei dirigenti Enel.

Assemblea del Comitato del 31 gennaio 2015.

Corteo contro i morti per amianto e lo sfruttamento del 26 aprile 2014

Marzo 2014. Video - intervista al Comitato di Altraeconomia sulla responsabilità dei dirigenti per le morti operaie per amianto e sul processo contro i dirigenti Pirelli in corso a Milano

FOTO DEL CORTEO A LUCCA IN SOLIDARIETA' ALLE VITTIME DELLA STRAGE DI VIAREGGIO.

video e foto della manifestazione a Roma l'8 ottobre 2013 alla Camera dei Deputati delle associazioni e comitati contro l'amianto

Video della presentazione de "La fabbrica del panico" con gli operai della Breda Fucine, l'autore del romanzo Stefano Valenti, Guido Viale e Michele Michelino  

nella sezione video riportiamo immagini della protesta contro l'Inail del 15 maggio 2013 e l'incontro fra la nostra delegazione e quella dell'Inail

Intervista del nostro Comitato a Sky tg24 del 21 novembre 2012

Pubblichiamo nella sezione "Leggi" (in alto sulla pagina)

 

 

il Decreto interministeriale sul Fondo per le Vittime dell'amianto del 13 gennaio 2011

 

News

Foto del corteo del 27 aprile 2013 a Sesto San Giovanni contro l'amianto e lo sfruttamento.

Nuove foto e video del presido operaio contro l'Inail del 16/01/2013

Nella sezione video immagini della conferenza stampa sull'amianto nel palazzo Comunale di via Larga a Milano e servizio di RAI 3 del 2 aprile 2012

nella sezione stampa, nuovi articoli sul processo Pirelli a Milano

Nella sezione foto, nuove fotografie del presidio al Tribunale di Trento del 12 dicembre 2011 e nella sezione video le immagini.

Nella sezione foto immagini dell'assemblea dell'8 ottobre 2011.

 

 Nella sezione foto, nuove immagini delle iniziative fatte nel mese di agosto 2011.

Nella sezione foto, immagini della conferenza stampa del 15 giugno 2011 a Bassano del Grappa (Vi)

NELLA SEZIONE FOTO IMMAGINI DELLA FIACCOLATA A L'AQUILA DEL 6 APRILE 2011

Nella finestra stampa ci sono nuovi articoli apparsi sui giornali.

 

Nella sezione foto ci sono le ultime e tante altre.

Nella finestra Archivio, ci sono le ultime sentenze di importanza Nazionale

Nella sezione video potete trovare i filmati della II Conferenza Nazionale sull'Amianto del 6-7-8 novembre 2009 a Torino.

Nella sezione libri trovate i nostri testi