ILVA

Ok al decreto salva Ilva. E riparte l’altoforno 1

Taranto. Via libera in Senato al dl "Fallimenti". Presto l’impianto tornerà al 60% della capacità produttiva massima

Gianmario Leone TARANTO

Edizione del 06.08.2015

Inizieranno quest’oggi le operazioni di riavvio dell’altoforno 1 dell’Ilva di Taranto. Fermo dal dicembre 2012 per i lavori previsti dall’Autorizzazione Integrata Ambientale, consentirà la ripar­tenza dell’acciaieria 1 collegata alla linea di produzione dell’altoforno e il rientro dalla solidarietà di oltre 300 operai. Mercoledì si è tenuto un vertice in prefettura a Taranto a cui hanno preso parte l’azienda, l’Asl, l’Arpa Puglia, Comune, Provincia, il prefetto e rappresentanti del ministero dell’Ambiente per fare il punto sui lavori svolti. Le fasi di riavvio dell’impianto si concluderanno entro la prossima settimana: la prima colata di ghisa è prevista per domani.

Con la ripartenza dell’altoforno 1 l’Ilva tornerà a marciare con tre altiforni (anche il 2 e il 4): l’altoforno 5 infatti, il più grande d’Europa e la cui attività contribuisce alla produzione del 45% del siderurgico, è stato fermo nei mesi scorsi e dovrebbe ripartire non prima della prossima primavera, dopo i lavori previsti dall’Aia. Con l’altoforno 1 di nuovo in marcia, i cui lavori sono stati effettuati da decine di aziende gui­date dalla Paul Wurth, la capacità produttiva dell’Ilva raggiungerà il 60% circa del proprio valore massimo, con una previsione annuale di 6 milioni di tonnellate annue e 17mila tonnellate di ghisa al giorno. Il riavvio, secondo fonti aziendali, «sarà effettuato utiliz­zando una procedura consolidata a livello internazionale, con l’obiettivo di minimizzare gli impatti ambientali e di sicurezza legati agli inevitabili transitori associati all’avvio di un altoforno».

Anche per questo si attende la relazione tecnica dell’Ispra e di Arpa Puglia che dal 28 al 30 luglio si sono recati all’interno dello stabilimento per verificare l’attuazione dei lavori previsti dall’Aia e la loro reale efficacia in termini di impatto ambientale: nel caso di parere negativo, il rischio potrebbe essere quello di rallentare nuovamente la marcia dell’altoforno.

Intanto ieri il Senato ha dato il via libera al decreto legge «Fallimenti» all’interno del quale sono state inserite alcune norme del decreto “Ilva-Fincantieri”. Viene previsto che «l’esercizio dell’attività di impresa degli stabilimenti di interesse strategico nazionale non può essere impedito dal sequestro sui beni dell’impresa titolare dello stabilimento, quando la misura cautelare sia stata adottata in relazione ad ipotesi di reato inerenti la sicurezza dei lavoratori. Va inoltre garantito il necessario bilanciamento tra la continuità dell’attività produttiva, la salvaguardia dell’occupazione, la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro».

La norma si è resa necessaria dopo il sequestro dell’altoforno 2 dell’Ilva da parte della procura di Taranto in seguito all’incidente mortale dell’8 giugno scorso che causò la morte dell’operaio Ales­sandro Morricella. Ma l’azienda conta di ottenere direttamente il dissequestro dell’impianto da parte della magistratura, dopo la riunione della scorsa settimana in cui sono stati presentati nuovi docu­menti sulla sicurezza dell’impianto.

Scrivi commento

Commenti: 0

ULTIMI VIDEO E FOTO

Pubblichiamo nella sezione archivio le motivazioni della sentenza di condanna dei dirigenti Pirelli nel processo di 1° grado decisa dal Tribunale di Milano - Giudice Martorelli per i lavoratori morti d'amianto. (gennaio 2016).

Video del corteo contro l'amianto e i morti sul lavoro- 18 aprile 2015 a Sesto san Giovanni.

Servizio TG RAI sulla protesta per l'assoluzione dei dirigenti Enel.

Assemblea del Comitato del 31 gennaio 2015.

Corteo contro i morti per amianto e lo sfruttamento del 26 aprile 2014

Marzo 2014. Video - intervista al Comitato di Altraeconomia sulla responsabilità dei dirigenti per le morti operaie per amianto e sul processo contro i dirigenti Pirelli in corso a Milano

FOTO DEL CORTEO A LUCCA IN SOLIDARIETA' ALLE VITTIME DELLA STRAGE DI VIAREGGIO.

video e foto della manifestazione a Roma l'8 ottobre 2013 alla Camera dei Deputati delle associazioni e comitati contro l'amianto

Video della presentazione de "La fabbrica del panico" con gli operai della Breda Fucine, l'autore del romanzo Stefano Valenti, Guido Viale e Michele Michelino  

nella sezione video riportiamo immagini della protesta contro l'Inail del 15 maggio 2013 e l'incontro fra la nostra delegazione e quella dell'Inail

Intervista del nostro Comitato a Sky tg24 del 21 novembre 2012

Pubblichiamo nella sezione "Leggi" (in alto sulla pagina)

 

 

il Decreto interministeriale sul Fondo per le Vittime dell'amianto del 13 gennaio 2011

 

News

Foto del corteo del 27 aprile 2013 a Sesto San Giovanni contro l'amianto e lo sfruttamento.

Nuove foto e video del presido operaio contro l'Inail del 16/01/2013

Nella sezione video immagini della conferenza stampa sull'amianto nel palazzo Comunale di via Larga a Milano e servizio di RAI 3 del 2 aprile 2012

nella sezione stampa, nuovi articoli sul processo Pirelli a Milano

Nella sezione foto, nuove fotografie del presidio al Tribunale di Trento del 12 dicembre 2011 e nella sezione video le immagini.

Nella sezione foto immagini dell'assemblea dell'8 ottobre 2011.

 

 Nella sezione foto, nuove immagini delle iniziative fatte nel mese di agosto 2011.

Nella sezione foto, immagini della conferenza stampa del 15 giugno 2011 a Bassano del Grappa (Vi)

NELLA SEZIONE FOTO IMMAGINI DELLA FIACCOLATA A L'AQUILA DEL 6 APRILE 2011

Nella finestra stampa ci sono nuovi articoli apparsi sui giornali.

 

Nella sezione foto ci sono le ultime e tante altre.

Nella finestra Archivio, ci sono le ultime sentenze di importanza Nazionale

Nella sezione video potete trovare i filmati della II Conferenza Nazionale sull'Amianto del 6-7-8 novembre 2009 a Torino.

Nella sezione libri trovate i nostri testi