INTERVENTO DI ROSSELLA LUONGO

Pubblichiamo l’intervento di Rossella Luongo alla presentazione del libro Amianto morti di “progresso” sabato 9 aprile al Centro di Iniziativa Proletaria "G. Tagarelli" a Sesto San Giovanni

 

Buon pomeriggio a tutti,

Mi chiamo Rossella e sono vedova, da tre anni sono la vedova di un uomo ucciso dall'amianto, mio marito si chiamava Tiberio Paolone e la sua storia, la sua malattia, sono state scelte e raccontate in un capitolo del libro che siamo qui a presentare questo pomeriggio.

Volevo innanzi tutto ringraziare gli autori, per ciò che hanno scritto e raccontato in questo libro, purtroppo -  oggi – e voi lo sapete bene, di amianto non si parla abbastanza, sono quindi benvenute le iniziative come questa,  dove si raccolgono testimonianze e si raccontano le numerose lotte fatte in questi ultimi anni per dare giustizia dov'è mancata e dove manca ancora oggi. Li ringrazio perché, con questo libro, danno risalto a quel mondo sommerso che sono le vittime da esposizione all'amianto.

vittime da esposizione all'amianto.

 

La mia singolare e forse sfortunata esperienza familiare - purtroppo comune a molte altre........ haimè troppe - mi ha fatto conoscere da vicino questo mondo di poche speranze, di sofferenza, di stupore e di incredulità, si incredulità, perchè capita spesso agli ammalati, di scoprire d'aver respirato o di aver maneggiato amianto senza saperlo, oppure d'aver giocato, camminato, vissuto,  accanto alle fabbriche di morte o ai comunissimi tetti in eternit, e così, d’avere contratto la malattia.

 

Ho conosciuto un mondo di tanti, fatto di sopravvivenza a tempo determinato, legata ad una tac da fare ogni tre mesi, un residuo di vita scandito dalla consapevolezza che non c'è cura e non c'è scampo,  è solo una questione di tempo, di mesotelioma pleurico si muore.

 

Questo libro secondo me, è la denuncia inequivocabile che nel passato la reale pericolosità dell'amianto non si conosceva, la conoscenza era appannaggio di pochi e spesso chi sapeva ha taciuto per mero profitto personale. Costoro si sono resi responsabili di tutte le morti che ci sono state, e di quelle che ancora ci saranno, si perché l'amianto è ancora diffusissimo in tutto il territorio e il danno ambientale permane e tanti muoiono ancora.

 

Pensate che, fino alla fine degli anni '80, l'Italia è stata il secondo maggior produttore europeo di amianto, il primo per l'amianto crisotilo - una delle forme più pericolose - nonché uno dei maggiori utilizzatori del minerale. Dal dopoguerra fino alla messa al bando nel 1992, si stima che l'Italia abbia prodotto circa 4 milioni di tonnellate di amianto grezzo e ne ha importate almeno più di un milione.

 

Una montagna di fibra killer che - in varie forme e manufatti - è stata sparsa per il territorio italiano e che in gran parte è ancora lì da bonificare, magari si trova ben nascosta nelle nostre case, un'ipoteca pesantissima sul futuro di centinaia di migliaia di persone, perché -  signori - basta pochissimo, basta una concentrazione superiore a 1 fibra per litro di atmosfera, per creare un rischio per la salute.

 

Conosco bene le lotte che il vostro comitato fa e ha fatto in questi ultimi anni sia a livello locale che nazionale e diciamolo.......va reso merito alle donne e agli uomini che ne fanno parte, per la tenacia e la costanza che vi contraddistinguono non solo nelle piazze ma anche nei tribunali e nelle sedi istituzionali, tenacia che supporta i momenti in cui ci si scontra con la burocrazia  e la macchina amministrativa pubblica, intricata,  complessa, arretrata e a volte, ingiusta.

 

Spesso si è stanchi di dire sempre le stesse cose, senza essere giustamente ascoltati, spesso la rabbia iniziale, lascia il posto alla rassegnazione, alla vita che scorre veloce, dura e impietosa  e che non si ferma mai -  e che i nostri cari, purtroppo, non vedono più. La rabbia e la collera però, possono trasformarsi in impegno, impegno affinché si conosca la pericolosità di questo minerale  e allora, allora non si può fare a meno di pensare ai malati e alle vittime che verranno, nella speranza che si potranno evitare dando consapevolezza e bonificando l'amianto ancora presente nelle nostre vite.

 

Quindi……. ecco il compito di questo testo, occorre raccontare - bisogna far sapere, è necessario sensibilizzare, spiegare, far vedere, con qualunque mezzo o sistema e bisogna chiedere giustizia per i morti, i loro familiari e gli ammalati.

 

 

“Giustizia”.

 

 

Nascosta tra le righe di questo libro, questa parola c’è, traspare, si percepisce e si ricerca. Si racconta la grande ingiustizia di un progresso mancato, pagato a caro prezzo, con tante vite umane,  che ha arricchito solo i padroni e c'è in fondo, in fondo, la consapevolezza che la battaglia è ben lontana dall'essere vinta.

 

E allora vorrei qui ripetere una frase contenuta nella prefazione del libro che mi è piaciuta molto e che secondo me è l’essenza, l’estratto di quello che il libro vuole significare: “Quando la legge difende l’ingiustizia, ribellarsi è giusto e la resistenza diventa un dovere”

 

Grazie a tutti.

 

Scrivi commento

Commenti: 0

ULTIMI VIDEO E FOTO

Pubblichiamo nella sezione archivio le motivazioni della sentenza di condanna dei dirigenti Pirelli nel processo di 1° grado decisa dal Tribunale di Milano - Giudice Martorelli per i lavoratori morti d'amianto. (gennaio 2016).

Video del corteo contro l'amianto e i morti sul lavoro- 18 aprile 2015 a Sesto san Giovanni.

Servizio TG RAI sulla protesta per l'assoluzione dei dirigenti Enel.

Assemblea del Comitato del 31 gennaio 2015.

Corteo contro i morti per amianto e lo sfruttamento del 26 aprile 2014

Marzo 2014. Video - intervista al Comitato di Altraeconomia sulla responsabilità dei dirigenti per le morti operaie per amianto e sul processo contro i dirigenti Pirelli in corso a Milano

FOTO DEL CORTEO A LUCCA IN SOLIDARIETA' ALLE VITTIME DELLA STRAGE DI VIAREGGIO.

video e foto della manifestazione a Roma l'8 ottobre 2013 alla Camera dei Deputati delle associazioni e comitati contro l'amianto

Video della presentazione de "La fabbrica del panico" con gli operai della Breda Fucine, l'autore del romanzo Stefano Valenti, Guido Viale e Michele Michelino  

nella sezione video riportiamo immagini della protesta contro l'Inail del 15 maggio 2013 e l'incontro fra la nostra delegazione e quella dell'Inail

Intervista del nostro Comitato a Sky tg24 del 21 novembre 2012

Pubblichiamo nella sezione "Leggi" (in alto sulla pagina)

 

 

il Decreto interministeriale sul Fondo per le Vittime dell'amianto del 13 gennaio 2011

 

News

Foto del corteo del 27 aprile 2013 a Sesto San Giovanni contro l'amianto e lo sfruttamento.

Nuove foto e video del presido operaio contro l'Inail del 16/01/2013

Nella sezione video immagini della conferenza stampa sull'amianto nel palazzo Comunale di via Larga a Milano e servizio di RAI 3 del 2 aprile 2012

nella sezione stampa, nuovi articoli sul processo Pirelli a Milano

Nella sezione foto, nuove fotografie del presidio al Tribunale di Trento del 12 dicembre 2011 e nella sezione video le immagini.

Nella sezione foto immagini dell'assemblea dell'8 ottobre 2011.

 

 Nella sezione foto, nuove immagini delle iniziative fatte nel mese di agosto 2011.

Nella sezione foto, immagini della conferenza stampa del 15 giugno 2011 a Bassano del Grappa (Vi)

NELLA SEZIONE FOTO IMMAGINI DELLA FIACCOLATA A L'AQUILA DEL 6 APRILE 2011

Nella finestra stampa ci sono nuovi articoli apparsi sui giornali.

 

Nella sezione foto ci sono le ultime e tante altre.

Nella finestra Archivio, ci sono le ultime sentenze di importanza Nazionale

Nella sezione video potete trovare i filmati della II Conferenza Nazionale sull'Amianto del 6-7-8 novembre 2009 a Torino.

Nella sezione libri trovate i nostri testi