CONTRIBUTO AL CORSO RLS

Comitato per la Difesa della Salute nei Luoghi di Lavoro e nel Territorio –

 

 Il ruolo degli RLS

 

 

 

Milano giovedì 5 maggio 2016 via G. D’Annunzio 15

 

Centro per la Cultura della Prevenzione nei Luoghi di lavoro e di vita 

 

 

 

Relazione di Michele Michelino

 

 

 

I morti sul lavoro e di lavoro non sono mai una fatalità

 

 

 

Gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali sono quasi sempre il risultato della mancanza di adeguate misure di sicurezza, che provocano condizioni di vita e di lavoro insicure in ambienti insalubri, a contatto con sostanze nocive e cancerogene, senza adeguate protezioni per i lavoratori.

 

 

Secondo l’ILO (l’International Labour Office), ogni giorno muoiono nel mondo più di seimila persone per infortuni e malattie professionali.

 

Nonostante le campagne pubblicitarie, a livello mondiale il numero dei lavoratori morti per infortuni sul lavoro e malattie professionali è sempre da bollettino di guerra, nonostante la diminuzione dei posti di lavoro dovuti alla crisi economica che dura dal 2008.

 

 

 

Le malattie professionali diluiscono semplicemente le morti nel tempo: per esposizione o contatto con sostanze nocive e cancerogene nel processo di produzione, l’ILO stima che ogni anno perdano la vita circa 438.000 lavoratori, cifra senz’altro in difetto rispetto alla realtà.

 

L’amianto, in particolare, è responsabile della morte di 100.000 persone l’anno (più di 4.000 nella sola Italia), mentre la silicosi continua a colpire milioni di lavoratori e pensionati nel mondo.

 

Così scriveva G. Berlinguer in Medicina del lavoro in La salute nella fabbrica (edizioni Italia – URSS, Roma 1972, pag. 32):

 

Nel ventennio1946–1966 si sono verificati in Italia 22.860.964 casi di infortunio e di malattia professionale, con 82.557 morti e con 966.880 invalidi. Quasi un milione di invalidi, il doppio di quelli causati in Italia dalle due guerre mondiali, che furono circa mezzo milione. Mentre la media degli infortuni e malattie professionali nel ventennio 1946–1966 è stata lievemente superiore ad 1 milione di casi annui, negli anni dal 1967 al 1969 la cifra è salita ad oltre 1,5 milioni di casi e nel 1970 ad 1.650.000 casi”.

 

 

 

Sono passati molti anni da quello studio ma la condizione dei lavoratori italiani è in continuo peggioramento.

 

Nella crisi si sono ridotti i posti di lavoro, ci sono meno lavoratori occupati, ma aumentano i morti sul lavoro. Nel  2015 gli infortuni mortali sul lavoro sono aumentati del 16% rispetto al 2014 (1.172 a fronte dei 1.009 del 2014)

 

 

 

Gli incidenti sul lavoro in Italia hanno fatto più morti fra i lavoratori che fra i soldati della coalizione occidentale della 2° guerra del Golfo. L’Eurispes ha calcolato che dall’aprile 2003 all’aprile 2007 i militari che hanno perso la vita sono stati 3.520, mentre dal 2003 al 2006 in Italia i morti sul lavoro sono stati ben 5.252 e l’età media di chi perde la vita è intorno ai 37 anni.

 

Secondo dati Eurostat (del 2005) ogni anno 5.700 persone muoiono a causa di incidenti sul lavoro.

 

L’OIL (Organizzazione Internazionale del Lavoro) stima che altri 159.500 lavoratori perdano la vita a causa di malattie professionali. Sommando i dati, si stima che ogni 3 minuti e mezzo nell’Unione Europea ci sia un decesso per cause legate all’attività lavorativa.

 

Anche le malattie professionali non tabellate dall’INAIL sono in aumento: nel 2002 erano il 71%, nel 2006 sono arrivate all’83%, mentre si calcolano in 200mila gli incidenti sommersi e non denunciati.

 

 

 

Di lavoro si continua a morire.

 

 

 

Questi dati ci dicono che avremmo estremo bisogno di prevenire gli “incidenti” e le malattie professionali, a cominciare da quelle derivanti dall'amianto, eliminando le sostanze cancerogene dai processi e dagli ambienti di lavoro.

 

Serve una medicina preventiva in grado di rintracciare le cause che producono malattie e morte e di eliminarle, ma questo non è nell'interesse di chi ha trasformato la salute e la morte in una fonte di profitto.

 

 

 

In questa società gli esseri umani sono trattati come merce, come cose e la natura è ridotta a qualcosa da saccheggiare selvaggiamente. Da qui la causa delle “catastrofi naturali” che di naturale non hanno niente.

 

Tocca quindi agli RLS ricordare - anche entrando in conflitto  con padroni e istituzioni - che i lavoratori sono esseri umani e non numeri.

 

 

 

Il nostro paese ha il suo fondamento nella Costituzione Repubblicana, che all’art. 32 recita “La Repubblica Italiana tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e della collettività”, arrivando a dichiarare che la stessa iniziativa privata - pur essendo libera - “non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana” (art. 41 II comma cost.).

 

Il ruolo degli RLS consiste proprio nel fare applicare questa norma. Non basta intervenire dopo che il danno c'è stato, bisogna intervenire per prevenirlo.

 

 

 

L’amianto come tutte le sostanze cancerogene provoca danni che sono all’origine di numerosi tumori. Ormai dovrebbe essere chiaro a tutti che non esistono soglie di sicurezza o di tolleranza alle sostanze cancerogene.

 

Sebbene sia necessario, non basta predisporre dispositivi di protezione individuali o collettivi per la riduzione del rischio, ma bisogna adoperarsi affinché il rischio sia ridotto a zero. L’esposizione alle fibre di amianto riduce l’aspettativa di vita di chi è stato esposto, facendo inoltre vivere lui e la sua famiglia nel terrore di ammalarsi, e questa situazione è già una malattia.

 

Gli RLS, insieme ai lavoratori (che non devono delegare solo agli RLS il problema della sicurezza e della difesa della salute ma essere protagonisti mobilitandosi in prima persona), si devono battere per il rischio zero. Anche se questo può generare contrasti sul posto di lavoro con i datori di lavoro. Sulla sicurezza e la salute non si scherza!

 

Non si può accettare, sotto il ricatto del posto di lavoro, di rimetterci la salute e la vita.

 

Spesso, nel nostro paese, i diritti sanciti nella Costituzione sono subordinati ai poteri forti e applicati solo se compatibili con essi.

 

Gli RLS devono essere indipendenti e autonomi da qualsiasi condizionamento economico e politico. Il loro obiettivo principale, la sicurezza sui posti di lavoro e la salute dei lavoratori, viene prima di tutto, anche se questo comporta il rischio di scontrarsi con i datori di lavoro e le istituzioni che spesso sono in conflitto di interesse.

 

Le nomine dei direttori dei vari Enti - INAIL, INPS, ATS (ex ASL) - e delle aziende pubbliche sono decisi dalla politica a cui rispondono, cosi come i manager delle aziende private rispondono agli azionisti, ai quali interessa realizzare il massimo profitto e non è raro che molti cerchino di risparmiare anche i pochi euro sulla sicurezza, anche se questo va a scapito della salute dei lavoratori. Basti qui ricordare la strage, una delle tante, della ThyssenKrupp.

 

L’INAIL è l’Ente che deve accertare e nello stesso tempo indennizzare le malattie professionali e questo è in palese conflitto di interessi. Generalmente in prima istanza respinge, quasi sempre le domande di malattia professionale, anche per casi di mesotelioma.

 

Gli RLS devono agire nell'interesse dei lavoratori, non possono lasciarsi condizionare dalle disponibilità economiche dell’azienda o da quelle politiche.

 

Non si può subordinare la salute e la vita umana alla logica del profitto, ai costi economici aziendali o ai bilanci dello stato. Senza rispetto per la sicurezza sul lavoro, gli operai, i lavoratori continueranno a subire infortuni, ad ammalarsi e morire sul lavoro e di lavoro e l'amianto e altre sostanze cancerogene presenti sul territorio, se non si eliminano, continueranno ad uccidere gli esseri umani e la natura.

 

 

 

Gli RLS devono intervenire su ogni questione che riguarda la sicurezza, denunciando e segnalando al datore di lavoro e al Responsabile del Servizio per la Prevenzione e la Protezione, all’ATS per iscritto, l’eventuale sospetta pericolosità rilevata senza timori di rappresaglie, senza paura di ricorre anche alla magistrature in caso di inadempienza, con esposti – denunce.

 

 

 

Il ruolo di RLS è tutelato dalla legge e anche nei casi di contenzioso o conflitti essi devono mettere al primo posto la salute individuale e collettiva dei lavoratori.

 

 

 

I limiti legali imposti per legge alle sostanze cancerogene non danno alcuna garanzia alla tutela della salute. In presenza di cancerogeni la salute è continuamente esposta a rischi.

 

Lottare per ambienti di lavoro salubri e per un mondo pulito significa lottare contro chi - pur di fare soldi sulla pelle dei lavoratori e cittadini - condanna a morte ogni anno migliaia di esseri umani, anteponendo i suoi interessi privati a quelli collettivi della società su cui, tra l’altro, ricadono i costi di tutte queste malattie e queste morti.

 

 

 

 

 

Comitato per la Difesa della Salute nei Luoghi di Lavoro e nel Territorio

 

 

 

 

 

Michele Michelino           e-mail:michele.mi@inwind.it

 

 

 

Via Magenta 88 / 20099 Sesto S. Giovanni MI / tel+fax 0226224099

 

c/o Centro di Iniziativa Proletaria “G. Tagarelli”

 

e-mail: cip.mi@tiscalinet.it

 

Sito Internet del Comitato: comitatodifesasalutessg.jimdo.com

 

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0

ULTIMI VIDEO E FOTO

Pubblichiamo nella sezione archivio le motivazioni della sentenza di condanna dei dirigenti Pirelli nel processo di 1° grado decisa dal Tribunale di Milano - Giudice Martorelli per i lavoratori morti d'amianto. (gennaio 2016).

Video del corteo contro l'amianto e i morti sul lavoro- 18 aprile 2015 a Sesto san Giovanni.

Servizio TG RAI sulla protesta per l'assoluzione dei dirigenti Enel.

Assemblea del Comitato del 31 gennaio 2015.

Corteo contro i morti per amianto e lo sfruttamento del 26 aprile 2014

Marzo 2014. Video - intervista al Comitato di Altraeconomia sulla responsabilità dei dirigenti per le morti operaie per amianto e sul processo contro i dirigenti Pirelli in corso a Milano

FOTO DEL CORTEO A LUCCA IN SOLIDARIETA' ALLE VITTIME DELLA STRAGE DI VIAREGGIO.

video e foto della manifestazione a Roma l'8 ottobre 2013 alla Camera dei Deputati delle associazioni e comitati contro l'amianto

Video della presentazione de "La fabbrica del panico" con gli operai della Breda Fucine, l'autore del romanzo Stefano Valenti, Guido Viale e Michele Michelino  

nella sezione video riportiamo immagini della protesta contro l'Inail del 15 maggio 2013 e l'incontro fra la nostra delegazione e quella dell'Inail

Intervista del nostro Comitato a Sky tg24 del 21 novembre 2012

Pubblichiamo nella sezione "Leggi" (in alto sulla pagina)

 

 

il Decreto interministeriale sul Fondo per le Vittime dell'amianto del 13 gennaio 2011

 

News

Foto del corteo del 27 aprile 2013 a Sesto San Giovanni contro l'amianto e lo sfruttamento.

Nuove foto e video del presido operaio contro l'Inail del 16/01/2013

Nella sezione video immagini della conferenza stampa sull'amianto nel palazzo Comunale di via Larga a Milano e servizio di RAI 3 del 2 aprile 2012

nella sezione stampa, nuovi articoli sul processo Pirelli a Milano

Nella sezione foto, nuove fotografie del presidio al Tribunale di Trento del 12 dicembre 2011 e nella sezione video le immagini.

Nella sezione foto immagini dell'assemblea dell'8 ottobre 2011.

 

 Nella sezione foto, nuove immagini delle iniziative fatte nel mese di agosto 2011.

Nella sezione foto, immagini della conferenza stampa del 15 giugno 2011 a Bassano del Grappa (Vi)

NELLA SEZIONE FOTO IMMAGINI DELLA FIACCOLATA A L'AQUILA DEL 6 APRILE 2011

Nella finestra stampa ci sono nuovi articoli apparsi sui giornali.

 

Nella sezione foto ci sono le ultime e tante altre.

Nella finestra Archivio, ci sono le ultime sentenze di importanza Nazionale

Nella sezione video potete trovare i filmati della II Conferenza Nazionale sull'Amianto del 6-7-8 novembre 2009 a Torino.

Nella sezione libri trovate i nostri testi