CRIMINE DI PACE

Strage ferroviaria di Andria: un grave crimine di “pace” contro l’umanità.

 

Sulla evitabilità della strage di Andria è stato già detto quasi tutto. La adozione del sistema SCMT avrebbe evitato la strage. Ho sentito parlare la prima volta di questo sistema nei primi anni duemila quando i macchinisti delle ferrovie-peraltro bersagliati tragicamente dalle esposizioni ad amianto-ne parlavano come alternativa al sistema tristemente noto come “uomo morto”;

 

questo consisteva nell’ obbligo , per il macchinista, di azionare in continuazione un pedale onde rassicurare il “sistema” circa la sua condizione di veglia e di attenzione;

 

l’idea dell’azionamento coatto del pedale nasceva dalla scelta economicistica delle ferrovie di passare al macchinista unico, cioè un solo addetto alla guida del mezzo, per “risparmiare”;

 

il sistema “uomo morto” cadde fortunatamente in disgrazia in quanto ritenuto dai lavoratori anzitutto, poi anche da medici e psicologi del lavoro , da ergonomi ed esperti, un sistema fonte di distress e nocivo per la salute psicofisica del macchinista, idoneo anzi a distrarlo dal suo compito principale: condurre il mezzo concentrandosi sulla strada (anche per la necessaria attenzione agli “imprevisti” fisici e umani);

 

fu in quel contesto che si iniziò a parlare di SCMT, un sistema di vigilanza alternativo all’uomo morto, efficace anche nella malaugurata circostanza del colpo di sonno  o del malore o, peggio,  dell’infarto del macchinista (è successo anche questo, trattandosi di lavoro molto usurante-ancorché oggi disconosciuto dalle istituzioni e da un iniquo sistema pensionistico );

 

per chi , come me, ha seguito il dibattito giuridico negli ultimi decenni, era acquisito e fortemente condiviso, quanto Guariniello ed altri giudici italiani hanno sostenuto, coerentemente con il principio costituzionale del diritto alla salute: l’unico limite alle misure da adottare per la sicurezza è la fattibilità tecnologica; se esiste una tecnologia (allarme, sistema bloccante , circuito chiuso, ecc.) questa deve essere adottata; l’entità degli oneri economici, spesso invocati per temporeggiare, non devono essere considerati  un ostacolo alla sua concreta e immediata adozione ;

 

anche una organizzazione del lavoro non ergonomica deve essere rifiutata in quanto terreno di coltura favorevole all’accadimento di infortuni; pensiamo alla strage dell’autobus in Spagna che ha ucciso le studentesse; bisogna smetterla di considerare accettabile che un lavoratore (autista) lavori guidando una intera notte, per poi attribuire il cosiddetto “incidente” al “malore” dell’autista; peraltro, anche per quella strage in Spagna, cominciano ad evidenziarsi proposte risarcitorie offensive per le vittime e per chiunque abbia sofferto ad apprendere la tragica notizia ; 

 

ma allora cosa non ha funzionato ad Andria? E’ venuta meno la coerenza rispetto alle norme della convivenza civile grazie anche alla voluta proliferazione di “enti di controllo” che non hanno controllato nulla e che anzi  hanno poi fatto ricorso a mediazioni, compromessi e deroghe: per qualcuno evidentemente la vita dei cittadini pendolari su linee locali vale meno di quella di alti ;

 

viceversa il quadro procedurale a tutela della prevenzione e della sicurezza è chiaro: la Usl dal 1978 ha tra i suoi doveri quello di disegnare la mappa dei rischi presenti nei luoghi di lavoro e di vita (art.20 legge 833/1978) ; questa mappa è stata disegnata per l’area che è stata teatro della strage di Andria ?

 

Oggi, correttamente, la Usl si occupano di prevenzione e riduzione del rischio autostradale; perché questo disinteressamento, a vote generalizzato, per le ferrovie? Ovviamente la domanda è retorica.

 

Su questo abbiamo già avuto modo di tentare il dialogo con le istituzioni politiche nazionali, senza ottenere nessuna risposta.

 

Se fosse stata disegnata la mappa del rischio , evitando sovrapposizioni, il rischio sarebbe stato individuato e la Usl avrebbe potuto anzi dovuto intervenire con prescrizioni da adottare immediatamente ;

 

nessuno può ritenere legittimo che i due macchinisti morti, in quanto lavoratori, avessero meno diritti di altri che operano in comparti in cui la Usl ha pieni poteri di intervento e questi poteri li usa correntemente;

 

il rispetto dei diritti dei lavoratori si sarebbe riverberato sul diritto degli utenti/passeggeri: la strage non si sarebbe verificata;    

 

infatti i lavoratori, lottando contro “l’uomo morto” hanno indotto la applicazione di misure tecnologiche davvero efficienti ma purtroppo, come abbiamo visto, non estese a tutto il territorio nazionale e certamente meno rispettate dove più i lavoratori sono stati “deboli”.

 

Ora : seguiremo le indagini e i processi,

 

 avanzando istanza di costituzione di parte civile;

 

lo faremo anche per la affermazione di questi principi,  ma pure  con alcune certezze; la prima è che questo lutto è troppo devastante per essere elaborato senza postumi  ; la seconda è la amarezza di avere valide ragioni ed argomentazioni ma di essere arrivati ad affrontare il problema, ancora una volta, purtroppo, solo “il giorno dopo”. 

 

Né vogliamo produrre solo “parole” o solo “proteste”:

 

ogni iniziativa autogestita a livello locale  di solidarietà morale , materiale ed economica con le vittime ci trova disposti a metterci in sinergia con essa.

 

Vito Totire, medico del lavoro

 

“macchinista onorario”

 

A nome di: Centro “F.Lorusso”, circolo “Chico” Mendes, AEA-associazione esposti amianto e rischi per la salute

 

Via Polese 30 40122-Bologna

 

Bologna, 14.7.2016

 

Scrivi commento

Commenti: 0

ULTIMI VIDEO E FOTO

Pubblichiamo nella sezione archivio le motivazioni della sentenza di condanna dei dirigenti Pirelli nel processo di 1° grado decisa dal Tribunale di Milano - Giudice Martorelli per i lavoratori morti d'amianto. (gennaio 2016).

Video del corteo contro l'amianto e i morti sul lavoro- 18 aprile 2015 a Sesto san Giovanni.

Servizio TG RAI sulla protesta per l'assoluzione dei dirigenti Enel.

Assemblea del Comitato del 31 gennaio 2015.

Corteo contro i morti per amianto e lo sfruttamento del 26 aprile 2014

Marzo 2014. Video - intervista al Comitato di Altraeconomia sulla responsabilità dei dirigenti per le morti operaie per amianto e sul processo contro i dirigenti Pirelli in corso a Milano

FOTO DEL CORTEO A LUCCA IN SOLIDARIETA' ALLE VITTIME DELLA STRAGE DI VIAREGGIO.

video e foto della manifestazione a Roma l'8 ottobre 2013 alla Camera dei Deputati delle associazioni e comitati contro l'amianto

Video della presentazione de "La fabbrica del panico" con gli operai della Breda Fucine, l'autore del romanzo Stefano Valenti, Guido Viale e Michele Michelino  

nella sezione video riportiamo immagini della protesta contro l'Inail del 15 maggio 2013 e l'incontro fra la nostra delegazione e quella dell'Inail

Intervista del nostro Comitato a Sky tg24 del 21 novembre 2012

Pubblichiamo nella sezione "Leggi" (in alto sulla pagina)

 

 

il Decreto interministeriale sul Fondo per le Vittime dell'amianto del 13 gennaio 2011

 

News

Foto del corteo del 27 aprile 2013 a Sesto San Giovanni contro l'amianto e lo sfruttamento.

Nuove foto e video del presido operaio contro l'Inail del 16/01/2013

Nella sezione video immagini della conferenza stampa sull'amianto nel palazzo Comunale di via Larga a Milano e servizio di RAI 3 del 2 aprile 2012

nella sezione stampa, nuovi articoli sul processo Pirelli a Milano

Nella sezione foto, nuove fotografie del presidio al Tribunale di Trento del 12 dicembre 2011 e nella sezione video le immagini.

Nella sezione foto immagini dell'assemblea dell'8 ottobre 2011.

 

 Nella sezione foto, nuove immagini delle iniziative fatte nel mese di agosto 2011.

Nella sezione foto, immagini della conferenza stampa del 15 giugno 2011 a Bassano del Grappa (Vi)

NELLA SEZIONE FOTO IMMAGINI DELLA FIACCOLATA A L'AQUILA DEL 6 APRILE 2011

Nella finestra stampa ci sono nuovi articoli apparsi sui giornali.

 

Nella sezione foto ci sono le ultime e tante altre.

Nella finestra Archivio, ci sono le ultime sentenze di importanza Nazionale

Nella sezione video potete trovare i filmati della II Conferenza Nazionale sull'Amianto del 6-7-8 novembre 2009 a Torino.

Nella sezione libri trovate i nostri testi