SFRUTTAMENTO E MORTI SUL LAVORO

SFRUTTAMENTO E MORTI SUL LAVORO

In nome della produttività e del profitto, i padroni e i loro governi risparmiano anche i pochi centesimi per la sicurezza costringendo gli operai a lavorare in condizioni pericolose.

 

di Michele Michelino

 

Da gennaio a settembre 2016 sono 753 le morti bianche (meglio chiamarle col loro vero nome: omicidi) rilevate in Italia, di cui 549 infortuni mortali avvenuti in occasione di lavoro e 204 quelli accaduti in itinere. Questi dati sono stati elaborati e forniti dall'Osservatorio Sicurezza sul Lavoro Vega Engineering di Mestre sulla base di dati Inail.

Anche per il 2016 lo scenario che si apre sugli infortuni mortali in Italia continua a essere tragico.

Una media di 83 vittime al mese, 20 infortuni mortali a settimana.

 

L’unico dato positivo è che - rispetto allo stesso periodo del 2015, quando si contavano 856 morti sul lavoro - c’è una diminuzione dei morti del 12,3 per cento.

L’unico dato positivo è che - rispetto allo stesso periodo del 2015, quando si contavano 856 morti sul lavoro - c’è una diminuzione dei morti del 12,3 per cento.

Il settore economico che conta il maggior numero di “morti bianche” (74, pari al 13,5% del totale dei casi di morte in occasione di lavoro) è rappresentato dall’industria delle costruzioni. Al secondo posto vengono le “Attività manifatturiere” con 65 decessi (pari al 11,8% del totale) e al terzo il “settore del Trasporto e Magazzinaggio”, con 62 casi pari all’11,3%.

 

Da gennaio a ottobre si contano 84 stranieri deceduti (il 15,3 per cento del totale) e 36 donne. La fascia d’età più colpita - che costituisce il 33,3 per cento di tutte le morti rilevate in occasione di lavoro – è sempre quella compresa tra i 45 e i 54 anni.

Anche  se i dati provvisori registrano un calo degli infortuni mortali, in alcuni settori come l’edilizia a ottobre 2016, si assiste invece a un aumento di oltre il 27% rispetto al 2015.

Un dato che colpisce è che la maggioranza delle vittime di infortuni, anche mortali, riguardi gli over 60 anni: il numero dei morti è più che raddoppiato rispetto allo scorso anno. 

 

Il lavoro nero senza rispetto dei contratti e della sicurezza è la condizione che accomuna molti incidenti proprio a causa della mancata applicazione delle regole. Le vittime sono spesso lavoratori autonomi che autonomi non sono, lavoratori occasionali in nero o pagati con i voucher nei cantieri.

 

Davanti a questa guerra di classe che fa morti e feriti solo da parte, quella dei lavoratori, le istituzioni e il governo non vanno oltre le frasi di circostanza, mentre le grandi centrali sindacali confederali si limitano a proteste simboliche.

Il 7 novembre i sindacati di categoria degli edili - Feneal-Ui, Filca-Cisl e Fillea-Cgil - hanno proclamato uno sciopero nazionale del settore di un’ora. Obiettivo: sensibilizzare e contrastare il dramma delle morti sul lavoro richiedendo una maggiore sicurezza sul fronte della sicurezza e salute sul lavoro. Una sola ora di lavoro per protestare contro questa mattanza di operai morti sul lavoro!

 

Naturalmente i dati sopra riportati non tengono conto dei lavoratori in nero e di quelli non iscritti all’INAIL. Secondo “Art. 21” “l’INAIL non riconosce circa 500 infortuni mortali sul lavoro ogni anno. I dati degli ultimi sei anni che riportiamo in dettaglio dicono che:

Anno 2010: Denunce per infortunio mortale 1501, infortuni mortali riconosciuti 997

Anno 2011: Denunce per infortunio mortale 1387, infortuni mortali riconosciuti 895

Anno 2012: Denunce per infortunio mortale 1347, infortuni mortali riconosciuti 851

Anno 2013: Denunce per infortunio mortale 1215, infortuni mortali riconosciuti 710

Anno 2014: Denunce per infortunio mortale 1107, infortuni mortali riconosciuti 662.”

 

Che gli operai e i lavoratori nella società capitalista siano considerati una merce usa e getta si vede anche da quanto vale la loro vita per l’ente assicurativo pubblico, l’INAIL.

 

Le morti sul lavoro e da lavoro, gli infortuni, le malattie professionali sono un dramma che ha gravi conseguenze per le vittime e per le loro famiglie che, oltre al danno, devono subire la beffa.

Il coniuge o, in mancanza, i figli o chiunque dimostri di aver sostenuto le spese in occasione della morte del lavoratore, se hanno i requisiti per fruire della rendita a superstite, hanno diritto all’assegno di rimborso delle spese funerarie, che dal 1° luglio 2016 è di ben (!) 2.136,50 euro.

 

Anche i dati “ufficiali” vanno comunque presi con le pinze. Molte delle famiglie delle vittime degli infortuni e malattie professionali conoscono le difficoltà che hanno dovuto attraversare per far valere i loro diritti. L’INAIL è in conflitto d’interessi, perché è l’ente assicurativo che deve riconoscere l’infortunio e nello stesso tempo pagarlo, per cui ha tutto l’interesse a risparmiare sulla pelle delle vittime.

Da qui la rivendicazione portata avanti da diverse associazioni e comitati di togliere all’INAIL il compito di riconoscere infortuni, morti sul lavoro e malattie professionali, affidando a un ente terzo il riconoscimento e lasciando all’Istituto Nazionale Assicurazione Infortuni sul Lavoro, assicurazione pubblica, il solo compito di pagare il danno.

 

Le malattie professionali

Agli infortuni e alle morti sul lavoro si aggiungono quelle delle malattie professionali.

I numeri forniti dall’INAIL per il 2015 confermano che le malattie professionali sono in crescita, anche se l’aumento delle denunce di malattia professionale è dovuto quasi esclusivamente alla “gestione agricoltura” che ha visto un aumento del 10,16% rispetto all’anno precedente (+ 1.100 domande). Nel 2015 sono state 58.825 le denunce di malattia professionale, circa 1.500 in più rispetto al 2014 e in aumento di oltre il 33% rispetto al 2010.  Queste denunce hanno riguardato circa 44 mila soggetti ammalati.

 

Di lavoro si continua ad ammalarsi e a morire, più che in guerra.

Ogni anno, in nome della produttività e del profitto, i padroni e i loro governi risparmiano anche i pochi centesimi per la sicurezza costringendo gli operai a lavorare in condizioni pericolose. Il capitale si alimenta dello sfruttamento operaio e le sue istituzioni, legittimandolo, sono funzionali allo sfruttamento dell’uomo sull’uomo. 

I morti sul lavoro non dipendono mai dalla fatalità. L’aumento dello sfruttamento è la causa principale degli infortuni.

 

Dalla rivista nuova unità, novembre 2016

 

Scrivi commento

Commenti: 0

ULTIMI VIDEO E FOTO

Pubblichiamo nella sezione archivio le motivazioni della sentenza di condanna dei dirigenti Pirelli nel processo di 1° grado decisa dal Tribunale di Milano - Giudice Martorelli per i lavoratori morti d'amianto. (gennaio 2016).

Video del corteo contro l'amianto e i morti sul lavoro- 18 aprile 2015 a Sesto san Giovanni.

Servizio TG RAI sulla protesta per l'assoluzione dei dirigenti Enel.

Assemblea del Comitato del 31 gennaio 2015.

Corteo contro i morti per amianto e lo sfruttamento del 26 aprile 2014

Marzo 2014. Video - intervista al Comitato di Altraeconomia sulla responsabilità dei dirigenti per le morti operaie per amianto e sul processo contro i dirigenti Pirelli in corso a Milano

FOTO DEL CORTEO A LUCCA IN SOLIDARIETA' ALLE VITTIME DELLA STRAGE DI VIAREGGIO.

video e foto della manifestazione a Roma l'8 ottobre 2013 alla Camera dei Deputati delle associazioni e comitati contro l'amianto

Video della presentazione de "La fabbrica del panico" con gli operai della Breda Fucine, l'autore del romanzo Stefano Valenti, Guido Viale e Michele Michelino  

nella sezione video riportiamo immagini della protesta contro l'Inail del 15 maggio 2013 e l'incontro fra la nostra delegazione e quella dell'Inail

Intervista del nostro Comitato a Sky tg24 del 21 novembre 2012

Pubblichiamo nella sezione "Leggi" (in alto sulla pagina)

 

 

il Decreto interministeriale sul Fondo per le Vittime dell'amianto del 13 gennaio 2011

 

News

Foto del corteo del 27 aprile 2013 a Sesto San Giovanni contro l'amianto e lo sfruttamento.

Nuove foto e video del presido operaio contro l'Inail del 16/01/2013

Nella sezione video immagini della conferenza stampa sull'amianto nel palazzo Comunale di via Larga a Milano e servizio di RAI 3 del 2 aprile 2012

nella sezione stampa, nuovi articoli sul processo Pirelli a Milano

Nella sezione foto, nuove fotografie del presidio al Tribunale di Trento del 12 dicembre 2011 e nella sezione video le immagini.

Nella sezione foto immagini dell'assemblea dell'8 ottobre 2011.

 

 Nella sezione foto, nuove immagini delle iniziative fatte nel mese di agosto 2011.

Nella sezione foto, immagini della conferenza stampa del 15 giugno 2011 a Bassano del Grappa (Vi)

NELLA SEZIONE FOTO IMMAGINI DELLA FIACCOLATA A L'AQUILA DEL 6 APRILE 2011

Nella finestra stampa ci sono nuovi articoli apparsi sui giornali.

 

Nella sezione foto ci sono le ultime e tante altre.

Nella finestra Archivio, ci sono le ultime sentenze di importanza Nazionale

Nella sezione video potete trovare i filmati della II Conferenza Nazionale sull'Amianto del 6-7-8 novembre 2009 a Torino.

Nella sezione libri trovate i nostri testi