PIANO BONIFICA AMIANTO

Un piano per eliminare l’amianto da scuole e palazzi pubblici

Un piano da 385 milioni di euro per la bonifica dall’amianto negli edifici pubblici, in particolare per la rimozione e lo smaltimento nelle scuole e negli ospedali. Lo prevede il “Piano di bonifica da amianto”, stilato nel secondo Addendum al Piano operativo “Ambiente” e adottato a metà gennaio


Un piano da 385 milioni di euro per la bonifica dall’amianto negli edifici pubblici, in particolare per la rimozione e lo smaltimento nelle scuole e negli ospedali. Lo prevede il “Piano di bonifica da amianto”, stilato nel secondo Addendum al Piano operativo “Ambiente” e adottato a metà gennaio con un provvedimento dalla Direzione generale competente del ministero dell’Ambiente. Un passo avanti nel segno della riqualificazione del territorio italiano che, lo rende noto lo stesso ministero, si rivolgerà a tutti i soggetti beneficiari delle risorse (Regioni e Province). Gli interventi dovranno essere realizzati entro il 31 dicembre 2025, mentre i fondi sono stati ripartiti secondo i coefficienti di assegnazione regionale utilizzati per le risorse del Fondo Sviluppo e Coesione. Alla Regione Sicilia sono stati assegnati i finanziamenti più corposi (107 milioni di euro), seguita dalla Puglia (74 milioni) e la Calabria (43 milioni). “Con questi fondi per la rimozione dell’amianto dagli edifici pubblici - afferma il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa - daremo priorità al risanamento delle scuole e degli ospedali italiani. Confido nella collaborazione con le Regioni e le Province autonome per dare avvio subito ai progetti più urgenti”.

Come dichiarato in una nota dalla senatrice Barbara Floridia, membro della Commissione Ambiente al Senato, in Italia  sono “2.400 le scuole e 250 i nosocomi che registrano, secondo l’Osservatorio Nazionale Amianto, la presenza della fibra”. Numeri impressionanti, che aggravano il fenomeno se “moltiplichiamo il numero degli edifici - continua la senatrice - per l’utenza che giornalmente lavora o frequenta questi istituti”. Nelle sole scuole, infatti, si parla potenzialmente di 352 mila studenti e 50 mila unità del personale.

Secondo le direttive del Piano amianto definite dal MATTM, toccherà alle Regioni, in quanto soggetti beneficiari dei finanziamenti, individuare gli interventi da finanziare e curarne la gestione, il controllo e il monitoraggio. Il Ministero invece si impegna a garantire che gli enti ricevano tutte le informazioni per l’attuazione degli interventi, in particolare le istruzioni sulle modalità per la corretta gestione, la verifica e la rendicontazione delle spese.
Per capirci: l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) parla di 100mila vittime l’anno per colpa dell’amianto e una spesa sanitaria tra i 2,4 e i 3,9 miliardi di dollari. Questo per dire che il fantasma dell’amianto e tutt’altro che sorpassato, anzi. Nonostante la messa al bando è arrivata nei primi anni novanta, il materiale fibroso tiene ancora sotto scacco il territorio: lo dimostrano i numeri, quelli contenuti nel dossier “Liberi dall’amianto?” presentato da Legambiente, che nel 2018 registravano ancora 370mila strutture con la presenza dell’asbesto. Di queste, oltre 20mila sono siti industriali, circa 50.700 sono edifici pubblici, ben oltre 210mila sono abitazioni private, oltre 65mila sono coperture in cemento amianto e il resto appartiene tipologie differenti di siti.

Come se non bastasse, il dossier si basa su un sondaggio parziale, in quanto delle 20 regioni hanno risposto solo in 15. Mancano all’appello Abruzzo, Calabria, Liguria, Molise, Toscana e Umbria. I problemi maggiori che hanno viziato i 28 anni dalla messa al bando dell’amianto riguardano le attività di censimento, completate oggi solo da sei territori, e quelle di smaltimento, dal momento che sono solo 8 le regioni dotate di almeno un impianto specifico per l’amianto. “È fondamentale accelerare la messa in sicurezza del Paese perché i soldi ci sono e vanno spesi. I cittadini hanno atteso abbastanza”, commenta Costa.


Quello che più preoccupa, ovviamente, rimane l’emergenza sanitaria. Legambiente, in base agli ultimi dati Inail, notifica a livello nazionale ben 21.463 casi di mesotelioma maligno tra il 1993 e il 2012 e oltre 6mila morti all’anno. A livello regionale i territori più colpiti sono Lombardia (4.215 casi rilevati), Piemonte (3.560), Liguria (2.314), Emilia Romagna (2.016), Veneto (1.743), Toscana (1.311), Sicilia (1.141), Campania (1.139) e Friuli Venezia Giulia (1.006). In quello che storicamente potrebbe essere considerato una dei mali più gravi del nostro Paese.

 

PIETRO MECAROZZI

 

PUBBLICATO IL 26 Aprile 2020.

 

 https://www.lastampa.it/tuttogreen/2020/04/26/news/un-piano-per-eliminare-l-amianto-da-scuole-e-palazzi-pubblici-1.38724788

Nelle sezione Archivio - sentenze - pubblichiamo la sentenza di condanna del Tribunale di Milano - Sezione Lavoro contro la società Pirelli costretta a risarcire gli eredi.

Riportiamo le motivazioni della sentenza Pirelli bis, Milano, per morti amianto. (vedere sopra sezione archivio)

ULTIMI VIDEO E FOTO

Pubblichiamo nella sezione archivio le motivazioni della sentenza di condanna dei dirigenti Pirelli nel processo di 1° grado decisa dal Tribunale di Milano - Giudice Martorelli per i lavoratori morti d'amianto. (gennaio 2016).

Video del corteo contro l'amianto e i morti sul lavoro- 28 aprile 2018 a Sesto San Giovanni e articoli dei giornali nella sezione stampa in alto sulla pagina.

Servizio TG RAI sulla protesta per l'assoluzione dei dirigenti Enel.

Assemblea del Comitato del 31 gennaio 2015.

Corteo contro i morti per amianto e lo sfruttamento del 26 aprile 2014

Marzo 2014. Video - intervista al Comitato di Altraeconomia sulla responsabilità dei dirigenti per le morti operaie per amianto e sul processo contro i dirigenti Pirelli in corso a Milano

FOTO DEL CORTEO A LUCCA IN SOLIDARIETA' ALLE VITTIME DELLA STRAGE DI VIAREGGIO.

video e foto della manifestazione a Roma l'8 ottobre 2013 alla Camera dei Deputati delle associazioni e comitati contro l'amianto

Video della presentazione de "La fabbrica del panico" con gli operai della Breda Fucine, l'autore del romanzo Stefano Valenti, Guido Viale e Michele Michelino  

nella sezione video riportiamo immagini della protesta contro l'Inail del 15 maggio 2013 e l'incontro fra la nostra delegazione e quella dell'Inail

Intervista del nostro Comitato a Sky tg24 del 21 novembre 2012

Pubblichiamo nella sezione "Leggi" (in alto sulla pagina)

 

 

il Decreto interministeriale sul Fondo per le Vittime dell'amianto del 13 gennaio 2011

 

News

Foto del corteo del 27 aprile 2013 a Sesto San Giovanni contro l'amianto e lo sfruttamento.

Nuove foto e video del presido operaio contro l'Inail del 16/01/2013

Nella sezione video immagini della conferenza stampa sull'amianto nel palazzo Comunale di via Larga a Milano e servizio di RAI 3 del 2 aprile 2012

nella sezione stampa, nuovi articoli sul processo Pirelli a Milano

Nella sezione foto, nuove fotografie del presidio al Tribunale di Trento del 12 dicembre 2011 e nella sezione video le immagini.

Nella sezione foto immagini dell'assemblea dell'8 ottobre 2011.

 

 Nella sezione foto, nuove immagini delle iniziative fatte nel mese di agosto 2011.

Nella sezione foto, immagini della conferenza stampa del 15 giugno 2011 a Bassano del Grappa (Vi)

NELLA SEZIONE FOTO IMMAGINI DELLA FIACCOLATA A L'AQUILA DEL 6 APRILE 2011

Nella finestra stampa ci sono nuovi articoli apparsi sui giornali.

 

Nella sezione foto ci sono le ultime e tante altre.

Nella finestra Archivio, ci sono le ultime sentenze di importanza Nazionale

Nella sezione video potete trovare i filmati della II Conferenza Nazionale sull'Amianto del 6-7-8 novembre 2009 a Torino.

Nella sezione libri trovate i nostri testi